SOS mettiamo in salvo l’ambiente

0
502
riciclare mascherine

La pandemia globale non vuole proprio abbandonarci e tutti noi siamo costretti a mantenere le distanze e ad usare nei luoghi all’aperto o al chiuso le mascherine. Esse possono essere di tue tipo, di stoffa lavabili e con filtro o chirurgiche monouso. Buttare sei miliardi di esse al giorno comporta un rischio enorme all’ambiente. Ma esiste un modo per riciclare mascherine? A quanto pare sì e noi oggi ve lo facciamo conoscere per non restare impreparati.

Riciclare mascherine: come fare?

Alcuni negozi sembrano aver trovato una soluzione. Da Wilko i proprietari hanno lanciato un nuovo progetto per riciclare le mascherine. I clienti potranno deporre l’accessorio usato e ormai inutilizzabile in un contenitore. Una volta che i bidoni sono pieni, verranno portati via in modo sicuro in modo che le mascherine possano tornare ad essere materie prime e quindi essere usate in modo sostenibile in prodotti che saranno poi altri materiali di sicurezza: da utensili per costruzione a mobili spaziali pubblici di qualità e durevoli.


Paniere Istat: gel, mascherine e monopattini, le new entry


Dal Regno Unito in tutto il mondo

L’iniziativa è partita dall’Inghilterra e dal momento che alcuni negozi hanno iniziato il riciclaggio poi sono partiti tutti gli altri. Per il momento centocinquanta negozi stanno seguendo questo piano e il percorso verso un ambiente più pulito è appena iniziato. Un’altra alternativa potrebbe essere l’uso di mascherine lavabili che ha tra i principali benefici ambientali la riduzione dell’inquinamento marino da plastica e delle emissioni di gas a effetto serra con la riduzione della circolazione delle maschere facciali usa e getta.

Dove gettare le mascherine

Ad ogni modo questi accessori sanitari non devono essere lasciati per terra per strada ma essere buttati tra i rifiuti. Se le persone non rispettano le regole, lo smaltimento è molto più lento. In teoria dovrebbero esserci dei cestini per strada e nei negozi specifici per le mascherine che ormai sono diventate parte integrante della nostra quotidianità.