4 dicembre 1642 muore il Cardinale Richelieu

“Per agire bene nel governo di uno stato bisogna ascoltare molto e parlare poco.” Cardinale Richelieu

0
1060

Il cardinale Richelieu fu una figura estremamente influente nella Francia del diciassettesimo secolo, poiché era sia un potente membro del clero che il primo ministro di Luigi XIII durante il suo regno. Richelieu resta noto soprattutto per la sua parte, importante, durante la Guerra dei Trent’anni e per l’istituzione “de L’Académie Francaise”, un’organizzazione che agisce come autorità ufficiale sulla lingua francese. Ha anche lavorato per rimuovere i protestanti e la nobiltà feudale dal potere, creando uno stato centralizzato e unificato che risponde solo al re. Richelieu risulta impopolare tra la gente comune e la nobiltà, tuttavia diverse ribellioni e trame politiche furono tentate contro di lui, ma senza risultati validi.

Académie francaise.

Armand Jean de Richelieu

Armand Jean du Plessis de Richelieu, cardinale, statista francese, nacque da un’antica famiglia della minore nobiltà di Poitou regiorne ad ovest della Francia. Il nome originale della famiglia era Du Plessis, ma nel XV secolo un ramo più giovane ottenne per matrimonio la tenuta di Richelieu con il suo castello, e prese il nome di Du Plessis de Richelieu. Storicamente la famiglia non produsse guerrieri turbolenti da donare, durante la guerra dei cent’anni, e il padre del cardinale, François du Plessis, signore di Richelieu, iniziò la sua carriera uccidendo l’assassino del fratello maggiore e poi combattendo attraverso le guerre di religione, prima con Enrico III, e dopo la sua morte sotto Enrico IV.

La carriera nella Chiesa

Dopo che suo padre morì mentre combatteva nelle guerre di religione francesi, al giovane Richelieu e alla sua famiglia furono concessi fondi diocesani dal re Enrico III per consolarli per la loro perdita. I sacerdoti, tuttavia, desideravano che i soldi fossero spesi per scopi ecclesiastici e, al fine di garantire la loro pretesa per le entrate tanto necessarie, Richelieu fu scelto per diventare vescovo della zona all’età di ventitré anni. Risultò il primo vescovo in Francia ad attuare i cambiamenti apportati dal Concilio di Trento, e quindi visto e considerato come un riformatore, ammirato dai suoi compagni dirigenti della Chiesa ma disprezzato dalle classi inferiori.

Re Luigi XIII di Francia

Nominato rappresentante negli Stati Generali del 1614, e divenne effettivamente la voce del clero della classe superiore; fu un forte sostenitore della Chiesa e premette per un maggiore potere per i vescovi e l’esenzione dalle tasse. Richelieu fu inizialmente influente nella corte francese, ma cadde dal potere dopo l’assassinio del suo protettore, un grande ministro molto amato dalla regina. Dopo la morte del favorito del re, tuttavia, si assicurò la posizione di primo ministro di Luigi XIII.

La politica

Si rivolse quindi a questioni più politiche, in particolare i suoi obiettivi di centralizzare la Francia e distruggere la monarchia asburgica. Si adoperò per il primo sopprimendo il potere della nobiltà, abbattendo le loro difese e suscitando rapidamente la loro rabbia. Alla ricerca dell’unità religiosa per completare il processo, ha combattuto con gli ugonotti protestanti e ha rimosso i loro diritti politici e le loro protezioni.

Ha anche combattuto gli Asburgo nel Nord Italia, lasciando la sua vasta rete di spie per controllare le tensioni. Nonostante i vari piani che avrebbero portato alla sua caduta, era ancora al potere durante la seconda metà della Guerra dei Trent’anni e organizzò diverse alleanze con i poteri protestanti per dare alla Francia il sopravvento in battaglia. A corto di fondi, aumentò le tasse sul sale e sulla terra, portando i contadini a ribellarsi alle sue misure ingiuste e aumentando notevolmente la loro avversione.

Queste ribellioni furono facilmente represse e Richelieu trattò duramente questi cospiratori. Portò a termine con successo la monarchia asburgica durante la guerra dei trent’anni e rimase al potere fino a un anno prima della sua morte.

Il Cardinale Richelieu sul suo letto di morte, di Philippe de Champaigne(1642)

La morte del cardinale

Dopo aver sofferto di diverse malattie a lungo termine, Richelieu morì all’età di 57 anni. Fu imbalsamato e sepolto nella chiesa della Sorbona. Il suo volto mummificato e ben conservato fu rubato durante la Rivoluzione francese e cambiò mano più volte prima di essere restituito al suo proprietario durante il regno di Napoleone.

Commenti