Ricamo di Danielle Clough: l’emozione di un volto

L'artista usa la tecnica artigianale per creare ritratti coi materiali più disparati. Sui social è diventata famosa con la rappresentazione di Jess, un surfista

0
129
Ricamo di Danielle Clough
Alcuni dei lavori di Danielle Clough (immagine da Facebook)

Usa materiali diversi per realizzare ritratti con l’ago e il filo. Il ricamo di Danielle Clough è un’arte che riprendendo una tecnica del passato riesce ancora ad emozionare. Ha riprodotto anche due star della televisione, David Letterman e Tina Fey.


Le sneaker Valentino Garavani all’uncinetto


Com’è fatto il ricamo di Danielle Clough?

L’artista sudafricana seleziona fili di varie dimensioni che lavora con sensibilità e passione. Spesso, riutilizzando elementi, conferisce profondità alle opere: un modo per rendere meglio l’unicità dei volti. Sceglie i materiali da impiegare con attenzione, in base ai sentimenti che le persone che raffigura le suscitano. Anche il metodo di realizzazione risponde alla stessa esigenza, cioè creare dei ritratti che assomiglino al soggetto. Prende spunto da fotografie per riprodurre i volti.

La serie “Nomi di mezzanotte”

Sono ritratti realizzati su supporti diversi che catturano l’essenza delle persone. Danielle Clough coglie lo sguardo e l’espressività del soggetto, ma anche le sue passioni. Un esempio particolarmente riuscito è “Jess Lee of the sea”, la rappresentazione di un surfista, amante del mare e dell’ambiente. Per la sua opera usa una rete da pesca trovata in un porto che poi ricama con colori che riproducono gli effetti della luce sull’acqua. Le cuciture sono ben definite e conferiscono carattere al volto, incorniciato da una finestra normanna. Per produrre i suoi lavori incontra le persone e le conosce, in modo da capirle. Ha realizzato anche creazioni con pezzi di scarpe e racchette da tennis.

I ritratti di David Letterman e Tina Fey

L’artista ha cominciato a riprodurre col ricamo icone della cultura pop, gli amici e la natura, per poi passare a opere su commissione. Facendo conoscere i suoi lavori sui social, infatti, ha conosciuto degli estimatori che apprezzano la sua creatività. Infatti, le hanno chiesto di realizzare i ritratti di David Letterman e Tina Fey che appena finiti hanno ottenuto un riconoscimento globale. Molti trovano interessante il suo modo di fare i punti, ma piacciono anche le sue cornici e le emozioni che trasmette. Danielle spera di riuscire ad organizzare una mostra coi suoi “Nomi di mezzanotte” in Canada e negli Stati Uniti.

Commenti