Ribelli Houthi: colpe ammesse per attacco a base militare

0
737

I ribelli Houthi avrebbero ammesso di aver preso di mira una base militare nel nord dello Yemen, vicino alla quale sabato sono stati uccisi quattordici civili. Per questo motivo hanno chiesto un’indagine indipendente sull’attacco

Quando hanno attaccato la base militare i ribelli Houthi?

L’agenzia di stampa ufficiale del governo sabato accusa gli Houthi di aver bombardato domenica una stazione di servizio a Marib uccidendo 14 civili. Tuttavia in un tweet, un alto funzionario ribelle Houthi, Mohamed Ali al-Houthi, ha promesso un “risarcimento” se la sua organizzazione fosse stata ritenuta responsabile. “Abbiamo chiesto al ministero della Difesa e hanno detto che avevano solo bombardato la base”. Dichiara Mohamed Ali al-Houthi. “Chiediamo che una commissione indipendente indaghi sulla questione“, ha aggiunto. 

Il risarcimento

I ribelli saranno obbligati a pagare un risarcimento se le indagini stabiliranno che sono responsabili della morte dei 14 civili, ha detto Al-Houthi. Supportati dall’Iran, gli Houthi cercano da febbraio di strappare Marib, una regione ricca di petrolio, alle forze lealiste, sostenute da una coalizione guidata dall’Arabia Saudita. Il conflitto, innescato nel 2014 ha causato decine di migliaia di vittime e milioni di sfollati. Secondo l’ONU è attualmente la peggiore crisi umanitaria del mondo.

Sanzioni alla Siria: proroga Ue mentre i bambini muoiono

La guerra in Yemen

Sulla guerra in Yemen, i principali attori del conflitto non sono sincronizzati. Mentre l’amministrazione statunitense spinge per una soluzione politica, l’Arabia Saudita offre agli huthi un cessate-il-fuoco nazionale, con qualche apertura inedita su aeroporto di Sanaa e porto di Hodeida, ovvero i collegamenti aerei e marittimi dei territori controllati dagli insorti. Ansar Allah, il movimento politico degli huthi respinge la proposta e chiede prima la rimozione completa dell’embargo e rilancia l’offensiva militare sulla roccaforte governativa di Marib, nonché gli attacchi con missili e droni contro il territorio saudita. Intanto, significative dinamiche militari, politiche e geopolitiche emergono a Marib, sulla costa del Mar Rosso e ad Aden.