“ReUse the fallen church”: nuova vita alle architetture abbandonate

"ReUse the fallen church": al via la terza edizione del concorso per ristrutturare le architetture lasciate sole a se stesse

0
350
ReUse the fallen church

ReUse the fallen church è la formula per rinnovare la vita alle architetture abbandonate. ReUse Italy ha tagliato il nastro della partenza dando vita alla sua terza edizione. Parliamo di un concorso dal respiro internazionale che nasce per ravvivare gli edifici storici italiani lasciati da soli nonchè abbandonati a se stessi. La protagonista quest’anno è l’affascinante Chiesa Diruta di Grottole a Matera.

ReUse the fallen church. Ma di cosa parliamo?

Parliamo di un concorso inedito, ideato da ReUse Italy, l’associazione che non lascia passare inosservato “il vecchio”. ReUse infatti cerca di dire basta alla rovina del patrimonio architettonico del Paese. Combatte la negligenza delle istituzioni e invita migliaia di architetti in tutto il mondo a immaginare spazi nuovi per la cultura. Il tema della terza edizione, in collaborazione con Wonder Grottole, è la Chiesa Diruta di Grottole a Matera.

In Italia più di 750mila strutture abbandonate

Secondo l’ISTAT in Italia ci sono più di 750mila strutture in abbandono: case, stazioni, ospedali e complessi industriali. Nel novero di tutti i complessi accantonati troviamo anche ville nobiliari, castelli e più di ventimila chiese. Ogni realtà ha un peso fondamentale nella composizione storica e culturale della penisola e quindi perchè dobbiamo lasciare questi siti spenti? Perchè rinunciare alla bellezza? Ecco che arrivano i progetti di ReUse Italy.

Reus the Fallen-church: i riflettori puntano su Matera

ReUse Italy per quest’anno ha pensato di progettare, con una vena molto creativa e visionaria, all’interno delle suggestive rovine della Chiesa Diruta di Grottole a Matera. Si pensa ad uno spazio concerti ad uso della città e della comunità che la abita. Dunque si potrebbe dare una nuova luce alla chiesa seicentesca distrutta in passato da un terremoto e lasciata sola per troppo tempo. Il concorso è aperto ad architetti, ingegneri e studenti mentre la giuria sarà composta da architetti internazionali di rilievo come Adam Nathaniel Furman, Wenqiang Han di Archstudio, Assemble Architects e tanti altri. I progetti saranno esposti in una mostra nel paese di Grottole, prevista per aprile, e i vincitori presenteranno il progetto alla cittadinanza.

Commenti