Restauri in Libano: reperti vitrei romani da riassemblare

Una collaborazione tra TEFAF e British museum ricompone dei vasi da mensa danneggiati il 4 agosto scorso

0
250
esplosione a Beirut
L'immagine dell'esplosione a Beirut.

Una selezione di vasellame in vetro romano, danneggiato durante l’esplosione del 4 agosto scorso al porto di Beirut sarà recuperata. Annunciati i restauri in Libano che coinvolgono il British museum e TEFAF in un progetto di ripristino dei contenitori antichi.


Archeologia in Libano: Italia partecipa alle ricerche


Come si svolgeranno i restauri in Libano?

Le Istituzioni culturali hanno in programma di recuperare otto reperti in vetro rotti, ricostruendoli. Un intervento possibile con l’impiego di attrezzature moderne e di un gruppo di esperti del restauro. Il laboratorio del British museum sarà la sede dell’opera, dove i pezzi dei contenitori frantumati saranno ricomposti. Come in un puzzle, i restauratori faranno combaciare le tessere mancanti, recuperate dopo lo scoppio della teca che li conteneva. Al termine del lavoro, l’esposizione londinese presenterà il vasellame per poi rispedirlo a Beirut.

L’esplosione al porto di Beirut

I vetri di epoca romana e bizantina sono conservati al Museo archeologico di Beirut. Con l’esplosione avvenuta al porto, distante pochi chilometri dal centro culturale, una teca è andata distrutta. Conteneva 72 reperti vitrei che si sono frantumati e soltanto 15 sono restaurabili. Il personale considera quindi ricomponibili otto oggetti antichi. Per ogni vaso un esperto dell’Institut national du patrimoine ha identificato i frammenti da spedire a Londra per il restauro. TEFAF, la Fondazione europea per l’arte partecipa al progetto finalizzato a recuperare alcune testimonianze del passato. L’Ente infatti offre una sovvenzione di 25.000 € provenienti dal Fondo annuale di restauro del Museo.

I vetri romani di Beirut

I vasi da ricomporre sono in vetro soffiato: alcuni risalgono all’I secolo a.C., altri si presentano con lo stile islamico e bizantino. Sono reperti che testimoniano l’evoluzione della tecnica di realizzazione degli oggetti di uso quotidiano, nelle forme e nell’utilizzo. Alcuni potrebbero provenire dalla Siria o dall’Egitto, zone di scambi commerciali e in cui esistevano dei centri produttivi.