Residenza poietica, artisti per l’intermedialità

Un'iniziativa che promuove la collaborazione tra diversi ambiti artistici con ricadute economiche sul territorio

0
263
Residenza poietica
Una call to artist per gruppi con un poeta performativo

L’espressione in rima incontra l’arte contemporanea per creare una produzione di poesia performativa. Il bando di Residenza poietica offre agli scrittori di sonetti la possibilità di collaborare con altri creativi realizzando un progetto di intermedialità.

Come nasce Residenza poietica?

L’idea di riunire un gruppo di artisti che insieme realizzino una rassegna di diverse arti sta alla base dell’iniziativa. L’Associazione Amalgama e la Fondazione Merz promuovono la sperimentazione e l’interdisciplinarità tra forme di espressione. Pertanto la creazione di uno spazio familiare in cui lavorare e progettare è un modo per stimolare lo scambio di opinioni. Il team di professionisti vivrà per un mese in compagnia, elaborando proposte che abbiano anche ricadute economiche nel torinese.


Premio di poesia “Amici della Lucania”: prima edizione


L’Associazione Amalgama e la Fondazione Merz

Amalgama è un sodalizio istituito nel 2018: sei progettisti culturali realizzano produzioni artistiche multidisciplinari adatte al territorio. Ha al suo attivo la performance di poesia aumentata “Canti del Caos” che ha vinto il bando Orax!. Usa poi il format della residenza di talenti per promuovere la sinergia tra esperti di ambiti differenti. La Fondazione Merz invece organizza eventi e crede fortemente nel ruolo della creatività nella società contemporanea. Presenta anche il lavoro d’ingegno come un dialogo tra diversi ambiti del sapere.

La call to artist

Fino al 6 marzo gli interessati a partecipare al bando devono inviare le candidature all’organizzazione. Possono iscriversi team di giovani creativi con un poeta performativo. Insieme al modulo di adesione vanno trasmessi i curricula degli artisti e un progetto da attuare. Il gruppo selezionato trascorrerà un periodo di progettazione in laboratorio che sfocerà in una serie di appuntamenti estivi. I talenti convocati lavoreranno a Torino dal 3 maggio al 3 giugno per poi presentare degli spettacoli tra luglio e agosto. Per maggiori informazioni consulta il bando, cliccando qui.

Commenti