Repatha: il nuovo farmaco che elimina il colesterolo

0
820

Per la prima volta, una recente investigazione scientifica ha dimostrato che un nuovo e costoso farmaco è in grado di abbassare drasticamente il colesterolo e di ridurre il rischio di morte.  

Stiamo parlando del Repatha, il primo anticorpo artificiale conosciuto anche sotto il nome di evolocumab. Il Retapha era stato approvato principalmente per le persone che soffrivano di una condizione ereditaria con cause di alti livelli di colesterolo LDL e che non erano riuscite ad abbassare quest’ultimi utilizzando la tradizionale terapia farmacologica.

Lo studio, è stato presentato presso l’American College of Cardiology e pubblicato sulla rivista medica New England Journal Of Medicine. I suoi risultati hanno dimostrato che questo farmaco è in grado di ridurre in maniera efficace e di un 20% le patologie e il rischio di morte causati dal colesterolo.

Lo studio è stato realizzato su pazienti affetti da patologie cardiache che assumeevano il Repatha con una statina, un farmaco che viene prescritto dai medici ai pazienti che soffrono di ipercolesterolemia per mantenere sotto controllo il colesterolo. Secondo quanto raccomandano i medici, per evitare l’ipercolesterolemia e godere di buona salute è necessario tenere i livelli di colesterolo cattivo LDL sotto i 100 mg per decilitro e che le persone che soffrono di ipercolesterolemia riducano i loro livelli di colesterolo a 70 mg.  Dallo studio dei risultati ottenuti dalle analisi dei pazienti esaminati, si è potuto riscontrare che quest’ultimi assumendo il Repatha erano riusciti ad abbassare il loro LDL da 92 mg per decilitro a 30 mg. In tutta la storia della medicina non si erano mai visti dei livelli cosí bassi di colesterolo a tal punto che molte persone e incluso medici si erano chiesti se questo farmaco fosse davvero sicuro o se potesse generare difficoltà alla memoria o patologie come la demenza dovuto alla mancanza di colesterolo o a livelli troppo bassi di quest’ultimo.

Il dottor Rubin Dullaart, investigatore dell’University of Groningen (Olanda) ha definito il Repatha come una delle migliori scoperte della storia della medicina.

Molti hanno opinato diversamente considerando questo farmaco troppo caro rispetto alle garanzie di guarigione che dava e rispetto alla percentuale di rischio di morte emersa dai primi studi. Il Repatha ha infatti ha un prezzo di circa 14.000 dollari all’anno.

Alcuni medici hanno dichiarato che si aspettavano che lo studio effettuato desse come risultati almeno un 30% in meno del rischio di causa di morte al posto dei risultati ottenuti (20%). “È una percentuale abbastanza ridotta per essere una medicina super cara”, ha detto il dottor John Mandrola, cardiologo del Baptist Heealth di Louisville, Kentucky.

In ogni caso, hanno dichiarato gli esperti, i medici che sono soliti prescrivere questo farmaco ai pazienti con il colesterolo alto, certamente non prescriveranno questo farmaco a tutti i loro pazienti in quanto si tratta di una medicina molto cara che non tutti possono permettersi.

Molte persone e professionisti della medicina sono rimasti poco sorpresi da questo studio in quanto il 5,9% dei pazienti che hanno assunto il Repatha con una statina hanno sofferto degli attacchi cardiaci e incidenti cardiovascolari, in confronto con il 7,4% dei pazienti che seguivano un trattamento a base di statina con un il placebo, una sostanza priva di principi attivi specifici e priva di Repatha.

Nel 2015 il Repatha era stato approvato per la sua commercializzazione solo per il fatto che riduceva efficacemente il colesterolo, ma senza essere ancora completamente sicuri di che la sua somministrazione non comportasse rischi per la salute come quelli sopra indicati.

A questo proposito, il dottor Joshua Ofman, vice presidente della Amgen, la compagnia che si  occupa di fabbricare il Repatha, ha dichiarato che questo farmaco è sicuro in quanto a partire dal 2015 e fino ad oggi sono stati realizzati numerosi studi per verificare le proprietà e la sicurezza di questo farmaco e gli studi hanno dimostrato che si tratta di una cura ideale per soluzionare il problema dell’ipercolesterolemia della quale soffrono numerose persone. Inoltre Ofman ha dichiarato che anche se dallo studio realizzato è emerso che il 5,9% dei pazienti hanno sperimentato episodi di attacchi cardiaci e incidenti cerebrovascolari, questo non è un dato significativo che può mettere in discussione la sicurezza del farmaco in quanto questi episodi, potrebbero verificarsi 2-3 volte in più in soggetti reali che soffrono di ipercolesterolemia e che seguono una normale terapia farmacologica.

Tuttavia, fino a poco tempo fa, anche le compagnie di assicurazione mostravano una certa diffidenza nei confronti di questo farmaco e poiché temevano di perdere i loro capitali, rifiutavano il rimborso del Repatha al 75% dei pazienti che erano rimasti insoddisfatti o che avevano sofferto di attacchi di cuore o altri disturbi.

Per far fronte a questo problema e conquistare la fiducia delle compagnie assicurative, la Amgen aveva proposto un affare alle compagnie di assicurazione: se quest’ultime avessero eliminato o almeno ridotto il numero delle restrizioni dei rimborsi, nel caso in cui ci fossero stati dei pazienti insoddisfatti o vittime di attacchi di cuore, la Amgen si sarebbe occupata di rimborsare direttamente i pazienti al posto delle compagnie assicurative.

Numerosi medici hanno criticato questa strategia in quanto la situazione dava chiaramente l’impressione che i pazienti che compravano questo farmaco erano esposti a dei rischi per la salute mentre le compagnie di assicurazione pensavano principalmente a proteggere la loro economia.

Cam Patterson, medico di New York specializzato in cardiologia, ha dichiarato che l’opzione migliore, sarebbe stata quella di abbassare il prezzo di questo farmaco. Tuttavia i laboratori non hanno mai preso in considerazione questa possibilità in quanto le persone affette da ipercolesterolemia sono destinate a seguire una terapia farmacologia per tutta la vita e quindi ridurre il prezzo di questo farmaco non sarebbe conveniente.

Intanto, le statistiche hanno rilevato che circa 70 milioni di statunitensi soffrono di colesterolo alto e che 25 milioni di quest’ultime seguono una terapia farmacologica a base di statina. Inoltre si è calcolato che 11 milioni di persone che sono riuscite a migliorare il loro stato di salute, sono riuscite a farlo grazie a una terapia a base di Repatha.

 

Commenti