Renzi “Taglio del cuneo fiscale non è rivoluzione”

0
629
Minacce a Renzi

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, venerdì ha dichiarato che il presunto taglio programmato dal governo al cuneo fiscale nel disegno di legge del bilancio 2020 è insufficiente.   

“Ho dato 80 euro al mese per sei anni (con un aumento dei salari a basso reddito) e hanno detto che era solo un suggerimento. Ora stanno mettendo solo due miliardi nel cuneo fiscale (tagliato) e non possono davvero dire che è la rivoluzione del proletariato” ha dichiarato l’ex leader ed ex premier del Partito Democratico.     

Renzi, che si è separato dal PD per formare Italia Viva il mese scorso, ha chiesto un più ampio taglio del cuneo fiscale per favorire l’economia. Il governo di 5 stelle e PD non è stato in grado di dirottare abbastanza fondi, nonostante abbia per ora evitato un aumento dell’IVA, per finanziare la mossa del cuneo fiscale.     

Il premier Giuseppe Conte ha replicato a Renzi: “Tutti devono prendere parte all’azione del governo con il massimo impegno e determinazione. Non abbiamo bisogno di fenomeni. Se qualcuno vuole andare in TV, lascialo andare, ma dovrebbe sedersi al tavolo. Quando ti siedi, i tuoi argomenti sono ciò che conta. Stiamo parlando di lavoratori che hanno bisogno di potere d’acquisto, se per Renzi, che ha un grande stipendio, 20-30 euro è troppo poco, OK. Ha dato molto di più, ha usato risorse pubbliche, ma abbiamo un quadro molto delicato delle finanze “.