L’incidente del Pirellone, oltre alla morte del pilota Luigi Fasulo, costò la vita a due dipendenti di Regione lombardia.

Nella giornata di ieri, 18 aprile, presso la sede del consiglio regionale della Lombardia, si è tenuta la commemorazione per l’anniversario della strage a seguito dell’incidente aereo del Pirellone, durante il quale persero la vita tre persone.

Quando e cosa è successo al Pirellone

Erano infatti le 17:42 del 18 aprile 2002 quando un aereo Rockwell Commander 112 tc, pilotato da Luigi Fasulo, Italo-svizzero, proveniente da Locarno e diretto all’aeroporto di Milano Linate, si schiantò contro il ventiseiesimo piano del grattacielo, causando la morte oltre che dello stesso Fasulo anche delle due dipendenti regionali Annamaria Rapetti e Alessandra Santocito, impiegate presso l’avvocatura regionale. Vi furono inoltre una trentina di feriti.

Questo avvenimento ebbe una grande eco in Italia e all’estero anche perché accaduto a pochi mesi dagli attentati dell’11 settembre 2001, il cui ricordo era ancora molto vivo nell’opinione pubblica.

Il Presidente della Regione, Attilio Fontana, alla presenza dei membri dell’ufficio di presidenza, degli ex colleghi e dei parenti delle vittime ha ribadito che è doveroso ricordare ogni anno il tragico evento dell’aprile 2002, sottolineando il fatto che è bello che anche dopo 17 anni ci si ritrovi per ricordare le due dipendenti vittime dell’ incidente.

Il Pirellone: Uno dei simboli del “miracolo italiano”

Il palazzo, alto 126 metri per 32 piani, venne progettato dall’architetto Giò Ponti nel 1950 e la sua costruzione terminò nel 1961, rimanendo per alcuni anni il grattacielo più alto d’Europa. Per anni uno dei simboli del “miracolo Italiano”, attualmente ospita la sede dell’Assemblea Regionale Lombarda, in quanto gli assessorati sono stati trasferiti nel 2011 nella nuova sede di “Palazzo Lombardia”.

Un intero piano del grattacielo Pirellone dedicato alle vittime dell’incidente aereo

A seguito della ristrutturazione dell’edificio iniziata nel 2003 e concluse nel 2004, si è deciso di dedicare il 26mo piano del Pirellone alla memoria delle due dipendenti vittime dell’incidente, dove ogni anno gli ex colleghi  l’amministrazione regionale e i parenti si riuniscono per ricordare Annamaria Rapetti e Alessandra Santocito.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here