Regina Elisabetta e il principe consorte ricevono il vaccino

A dare l’annuncio è Buckingham Palace

0
226
Regina Elisabetta

La regina d’Inghilterra Elisabetta II e il principe consorte Filippo di Edimburgo, novantenni, hanno ricevuto la prima dose del vaccino contro il coronavirus. A dare l’annuncio nella giornata di sabato è stato proprio Buckingham Palace.

La regina Elisabetta e il marito hanno ricevuto il vaccino?

La regina Elisabetta II e il marito, il principe consorte Filippo di Edimburgo hanno ricevuto la loro prima dose del vaccino contro il coronavirus. Data la loro età – lei ha 94 anni, lui 99 -, erano stati inseriti nella categoria prioritaria. La notizia arriva proprio da Buckingham Palace. I due reali sono stati vaccinati da un medico di famiglia presso la residenza della regina a Windsor. La fonte reale ha precisato che è stata proprio la regina a voler diffondere la notizia della vaccinazione per incoraggiare i cittadini britannici a fare lo stesso. I due reali diventano così parte del milione e mezzo di britannici che hanno ricevuto la prima dose del vaccino anti-covid.

La famiglia reale non è stata esente dai contagi

Per oltre sette mesi, Elisabetta II non ha svolto alcun incarico pubblico al di fuori della residenza reale a causa dell’emergenza sanitaria tuttora in corso. Per la prima volta dopo decenni, il re e la regina d’Inghilterra hanno trascorso il Natale presso la residenza nel castello di Windsor, rinunciando alla tradizionale riunione di famiglia a Sandringham. La Royal Family non è tuttavia stata esente dai contagi di coronavirus. Infatti, il primogenito Carlo, di 72 anni, aveva contratto il virus lo scorso marzo. Alcuni fonti hanno poi informato il pubblico che anche il nipote, il principe William, era risultato positivo lo scorso aprile. Tuttavia Kensington Palace non ha mai dato una conferma ufficiale.

In Gran Bretagna si assiste a un terzo lockdown

La dichiarazione del vaccino da parte della regina potrebbe rivelarsi una buona occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica. Infatti in Gran Bretagna si sta diffondendo una nuova variante altamente trasmissibile del coronavirus. Proprio per questo, il primo ministro Boris Johnson ha deciso di chiudere l’economia per un terzo lockdown e sta cercando di fornire quanti più vaccini possibili nel tentativo di arginare i contagi. Il governo di Downing Street prevede di vaccinare circa 15 milioni di persone fra lavoratori a rischio e in prima linea e anziani entro metà febbraio. La Gran Bretagna registra attualmente il quinto più alto numero di morti per Covid-19, con quasi 80 mila vittime.


Leggi anche: Vaccino Pfizer / BioNTech Covid-19: 6 domande chiave

Commenti