Ragusa – Aggredita mamma Eritrea in Ospedale da altre mamme: “porta malattie”

0
304

La paura che quella giovane mamma straniera, arrivata in ospedale per accarezzare di nuovo la sua bambina nata in un capannone in Libia due settimane fa, potesse avere malattie contagiose ha scatenato una reazione violenta da parte di un gruppo di madri ragusane.

Ha dell’incredibile l’episodio che si è verificato martedì pomeriggio nel reparto di Terapia intensiva neonatale all’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa, dove Aster, 19 anni, eritrea, è stata aggredita, rendendo necessario l’intervento dei carabinieri per sedare gli animi. 

La giovane era arrivata dall’hotspot di Pozzallo, per fare visita alla neonata ricoverata pochi giorni fa in condizioni di deprivazione notevole, ancora con tracce di cordone ombelicale, dopo tre giorni di navigazione nel Mediterraneo su un barcone, assieme a 264 migranti.  

Alcune mamme, gridando che era una persona malata e che se ne doveva andare immediatamente, hanno aggredito la ragazza. Non è bastato l’intervento dei medici a protezione della giovane, che è in buona salute, nonostante il forte stress per il viaggio e le violenze continue subite in Libia. 

La bimba è in fase di miglioramento, è stata reidratata, si alimenta e sta iniziando anche a prendere peso, ma deve rimanere in ospedale.

«Un episodio increscioso» ha commentato oggi il sindaco di Pozzallo (Ragusa), Roberto Ammatuna. «Nel primo pomeriggio – ha annunciato – farò visita alla giovane mamma, omaggiandola di un mazzo di fiori ed un omaggio alla piccola.

La nostra città è sempre stata ospitale ed accogliente e questo episodio, anche se verificatosi a Ragusa, risente del clima di intolleranza che da qualche tempo si registra nei confronti dell’immigrato».

Il sindaco Ammatuna «apprezza il gesto del suo collega di Ragusa, Peppe Cassì, che riceverà in Comune la giovane mamma».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here