Raggiunta la minima estensione dei ghiacci sull’Artico: buone notizie

0
372
Raggiunta

METEO sull’Artico, raggiunta la minima estensione dei ghiacci. Buone notizie. Ghiaccio marino artico con il minimo di estensione più alto dal 2014, il dodicesimo più basso nella serie di dati presenti dal 1979

Puntualmente, nel cuore di settembre, il ghiaccio marino attorno all’Artico Raggiunta la sua minima estensione annua. Chiaramente non ha fatto eccezione nemmeno quest’anno, con il valore minimo che è stato registrato il 16 settembre. La minima estensione di questo 2021 è risultata pari a 4,72 milioni di chilometri quadrati. . Non si tratta certo di un’annata così negativa se confrontata con le ultime.

Il valore di quest’anno è nettamente superiore al record negativo del 2012, quando si raggiunsero i 3,41 milioni di chilometri quadrati. Ci troviamo dinanzi ad un 2021 incoraggiante rispetto al trend recente, ma va anche evidenziato che l’estensione media dei ghiacci della banchisa, fra il 1971 e il 2000, era pari a 6,7 milioni di chilometri quadrati, un dato pertanto ben superiore. Il minimo di estensione di quest’anno si colloca al 12° posto per le estensioni più basse raggiunte.  

Maltempo in Toscana e Liguria: auto distrutte da alberi e allagamenti

Arriva la NINA! Sara l’anno della neve in pianura

Forte Maltempo in Liguria: allagamenti e frane e strade chiuse (Video)

Gli ultimi 15 anni di osservazioni corrispondono ai 15 anni con l’estensione minima più bassa da quando sono iniziate le rilevazioni. L’estensione del ghiaccio pluriennale è una delle più basse mai registrate e questo non può che essere un dato negativo. L’aumento dell’estensione totale, rispetto al minimo del 2020, deriva quindi dal ghiaccio del primo anno, che potrebbe avere meno possibilità di durare.

Questa galoppante fusione dei ghiacci artici, pur nell’oscillazione che può variare di anno in anno, è conseguenza del riscaldamento globale sempre più fuori controllo, particolarmente forte nell’Artico rispetto alle restanti aree del Pianeta. Tale fenomeno è noto con il nome di “amplificazione artica”, che semplicemente significa che il ritmo del riscaldamento globale è molto più incalzante a queste latitudini. Le temperature medie sono cresciute di circa 3 gradi fra il 1971 e il 2019.