Qualificazioni Mondiali, l’Italia sfida la Macedonia, Piqué sfida la Spagna: la Spagna sfida se stessa

0
354

Tutto ciò è paradossale, ma è la sacrosanta verità.

Tutti sono padroni del loro destino; la Spagna ha il vantaggio dei punti in classifica, ma ha due sfide delicate, l’Italia ha due partite alla portata, ma ha numerose assenze, Piqué ha una nazione contro, ma se ne frega altamente.

Una Selección Española più forte che mai sulla carta ed uno spogliatoio in difficoltà come mai al proprio interno; una Nazionale Italiana apparentemente in difficoltà ed un gruppo sempre più allargato sufficientemente sordo alle critiche ricevute.

Un indipendentista fischiato, insultato e praticamente escluso da una parte del giornalismo internazionale, che difende la propria professione a costo di cadere e far cadere con se nel burrone tutta la nazione.

Assurdo, ma forse anche improbabile; e magari gli scenari apocalittici che suggestionano le misurate speranze azzurre o il baratro iberico delle polemiche nazionaliste, sono solo sogni di questo periodo che non diverranno mai realtà.

Ma tale è comunque la situazione che gli ultimi giorni sta condizionando le due selezioni, alle prese con problemi diversi, ma con gli stessi pericoli.

Sbagliare contro la Macedonia e l’Albania non dovrebbe essere particolarmente scontato, pareggiare contro Albania ed Israele (fuori casa) potrebbe essere fatale.

La Spagna ha una scorsa spessa maturata tanto in questo decennio di vittorie, che però, dopo i flop di Brasile 2014 e Francia 2016, potrebbe essersi ammorbidita sensibilmente e gli avversari, pur non potendo misurarsi alla pari da un punto di vista tecnico, potrebbero comunque farlo con altre armi: carattere, orgoglio, o semplice sfida personale.

Ciò che gli iberici, adesso, forse non hanno del tutto o distrattamente sanno riconoscere.

Non è la prima volta che risultati impossibili diventano concreti: e per ricordarselo, non è mai troppo tardi.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here