GEORGIA – GALLES 0-1

Nelle qualificazioni mondiali la Georgia, ormai aritmeticamente fuori, ospita a Tbilisi il Galles, che deve vincere per cercare di agganciare il treno delle migliori seconde in vista degli spareggi.

Parte aggressivo il Galles, con Ramsey che prova il tiro dalla distanza e palla di poco a lato.
Il primo tempo si chiude sullo 0-0, con la squadra georgiana brava ad arginare le iniziative di Ramsey e King.
Nella seconda frazione di gioco, il Galles passa in vantaggio con Lawrence, con il trequartista gallese bravo a sfruttare un ottimo passaggio di Ramsey.
La Georgia ci prova in ogni modo, ma il Galles resiste: finisce 0-1, vittoria fondamentale per i gallesi che vedono il Mondiale più vicino.

 

ITALIA – MACEDONIA 1-1

L’ Italia di Ventura ospita allo stadio Grande Tornino la Macedonia in una partita decisiva per la partecipazione degli azzurri ai Mondiali in Russia.
Il ct italiano schiera un 4-3-3, con Verdi che esordisce dal primo minuto a fianco di Insigne ed Immobile.
Nella fila macedoni, spazio agli “italiani” Pandev e Nestorovski.

L’Italia attacca con Insigne, dopo uno scambio in velocità tra l’attaccante partenopeo ed Immobile:bravo Dimitrievski a ribattere ed evitare il gol.
Gli azzurri cercano di alzare il ritmo, ma sono bravi i macedoni a non concedere grandi occasioni: Pandev al 17′ scalda i guantoni a Buffon, mentre Immobile e Zappacosta cercano di superare il portiere macedone.
Al 40′ gol dell’Italia con Chiellini, con un’azione che nasce da un corner: Insigne trova Immobile in area, appoggio morbido al centro, il difensore azzurro colpisce a botta sicura di piattone destro.
Si chiude un primo tempo non indimenticabile per l’Italia, che sblocca l’equilibrio nel finale.

Nel secondo tempo, gli azzurri si limitano a difendere la rete segnata, ma la Macedonia al 77′ trova il pareggio con Trajkovski dopo una colossale dormita della difesa. Ci prova l’Italia, ma il risultato non cambia: finisce 1-1, gli azzurri escono tra i fischi del pubblico.

 

AUSTRIA – SERBIA 3-2

Nel girone D, la Serbia cerca punti importantissimi contro un’Austria già matematicamente fuori dai giochi.

Con Adem Ljajic inizialmente in panchina, la Serbia parte forte e trova il gol all’11’con Milivojvevic. I padroni di casa però non si perdono d’animo e con Burgstaller raggiungono il pari. Nella ripresa i serbi si smarriscono e al 76’ subiscono la rete dell’ex interista Arnautovic: il vantaggio austriaco dura 7 minuti perché all’83’ su corner di Tadic, Matic fa il pari. Quando la gara sembra avviarsi al pareggio, all’ultimo minuto arriva il gol del definitivo 3-2 di Arnautovic.

Sconfitta dolorosa per la Serbia, che dovrà necessariamente vincere contro l’abbordabile Georgia per staccare il pass che porta direttamente a Russia 2018, condannando il Galles agli spareggi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here