Qewaisna: mummie del IV-VII secolo a.C. con lingue d’oro

Ai defunti hanno tolto l'appendice orale per renderli degni di incontrare il dio Osiride

0
224
Qewaisna
Le lamine dorate trovate nelle bocche delle mummie a Qewaisna

Gli archeologi hanno trovato nel cimitero di Qewaisna mummie senza lingue con placchette d’oro in bocca. La scoperta è avvenuta nel sito a 40 miglia a Nord del Cairo e nei sarcofagi che ritraevano le sembianze del defunto erano collocati amuleti, ceramiche e chiodi di rame. I ritrovamenti risalgono al periodo tra il 300 e il 640 a.C..


Scoperta archeologica: trovate mummie con lingue d’oro


Perché le mummie di Qewaisna avevano in bocca lamine dorate?

Le piastre sottili d’oro in bocca alle mummie non sono conservate bene e il metallo prezioso si trova anche attaccato alle ossa, sotto i pani in lino. Erano dorate con scarabei e fiori di loto. Gli studiosi pensano che l’inserimento delle lamine auree permettesse ai defunti di parlare con Osiride. Quindi un modo per rendere degno il morto di presentarsi al cospetto della divinità degli Inferi. Infatti, le salme sono mutile della lingua.

Il procedimento di mummificazione

Nella preparazione del corpo alla sepoltura spesso gli Egizi utilizzavano il sale, ma non per conservare le spoglie mortali. I ricercatori dell’Università di Manchester del Regno Unito hanno detto che serviva a garantire un percorso più chiaro al divino. Impiegavano anche natron, una miscela di carbonato di sodio, bicarbonato di sodio, cloruro di sodio e solfato di sodio. Pertanto gli studiosi pensano che i defunti abbiano ricevuto il trattamento per connettersi alle entità superiori.

Il cimitero di Qewaisna

I ricercatori scavano l’area funeraria dal 1989 e hanno rinvenuto strutture e resti del periodo tolemaico e romano. Il capo del settore al Consiglio supremo di Archeologia, Ayman Ashmawi, ha spiegato che il cimitero è utilizzato in tre periodi. Lo si nota dai cambiamenti nelle sepolture, i sarcofagi sono disposti in direzioni diverse e anche i corpi sono posizionati in modi alternativi. L’anno scorso hanno rinvenuto a Qewaisna un teschio con un ornamento a forma di lingua. Inoltre, c’erano un uomo, una donna e un bambino con lingue d’oro.