Qatar: fissate le prime elezioni legislative al 2 ottobre

0
371
Qatar fissa le prime elezioni legislative al 2 ottobre

Il Qatar terrà il 2 ottobre 2021 le sue prime elezioni legislative. I cittadini qatarioti, che nel Paese costituiscono solo il 10% della popolazione residente, saranno chiamati alle urne per eleggere 30 dei 45 membri del Consiglio della Shura. Questa mossa è parte di una nuova legge elettorale, che prevede di includere maggiormente i cittadini nella vita politica nel Paese.

In cosa consisteranno le prime elezioni legislative del Qatar?

Il Qatar ha fissato le sue prime elezioni legislative per il 2 ottobre. In questo giorno, la popolazione sarà chiamata alle urne per esprimere il proprio voto per i due terzi del Consiglio consultivo della Shura. A renderlo noto è un decreto emesso dall’emiro al potere. I cittadini qatarioti dovranno dunque eleggere 30 dei 45 membri del Consiglio. A provvedere alla nomina dei restanti 15 sarà lo stesso emiro, Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani. Questo Consiglio deterrà l’autorità legislativa del Paese, e approverà le politiche generali dello Stato, nonché il bilancio. I suoi 45 membri eserciteranno inoltre il controllo del potere esecutivo, a esclusione degli organi di difesa, sicurezza, politica economica e investimenti.

Un passo importante per una partecipazione attiva della citadinanza

Il Government Communication Office ha affermato che le elezioni del Consiglio della Shura rappresentano “un passo importante verso la promozione di una più ampia partecipazione dei cittadini” all’interno della vita politica del Qatar. Secondo quanto ha specificato il primo ministro, nonché ministro degli Interni, Sheikh Khalid bin Khalifa al-Thani, la nazione è stata divisa in 30 distretti, ognuno dei quali presenterà un candidato.

Cosa stabilisce la nuova legge elettorale?

La nuova legge emessa dall’emiro di Doha stabilisce che i cittadini di almeno 18 anni e il cui nonno sia nato in Qatar possono votare nei distretti in cui la loro tribù o la loro famiglia risiede. I candidati, invece, devono essere cittadini qatarioti e avere compiuto almeno i 30 anni di età. In Qatar, la maggior parte della popolazione residente è costituita da lavoratori stranieri, e solo il 10% dei 2,7 milioni di abitanti è effettivamente qatariota.

Un contesto nuovo per il Qatar

Trattasi di un contesto del tutto nuovo per il Qatar, che non ha mai ospitato un’elezione legislativa prima d’ora. Nel Golfo, finora, l’unica monarchia a conferire poteri di una certa rilevanza a un parlamento eletto è infatti il Kuwait. Nel 2003, attraverso un referendum, il Qatar aveva approvato una nuova Costituzione. Essa prevedeva elezioni parziali per il Consiglio della Shura. Tutto ciò è stato oggetto di revisione negli ultimi tempi, revisione che ha portato allo sviluppo di nuove procedure costituzionali e strumenti legislativi, tra cui anche la nuova legge elettorale per votare i membri della Shura.


Leggi anche: Afghanistan: inviato USA vola in Qatar per negoziati