Putin: le sanzioni occidentali hanno unito Russia e Bielorussia

0
212
Putin: le sanzioni occidentali hanno unito Russia e Bielorussia

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha affermato che le sanzioni occidentali hanno accelerato il processo di unificazione tra Russia e Bielorussia.

Cosa ha detto Putin sulle sanzioni occidentali?

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha affermato che le “pressioni politiche e sociali senza precedenti” da parte dell’Occidente e una serie di sanzioni imposte a seguito dell’invasione dell’Ucraina stanno spingendo la Bielorussia a integrarsi più rapidamente con la Russia. “Le pressioni dell’Occidente stanno spingendo ad accelerare il processo di unificazione. Questo farà ridurre al minimo i danni derivanti dalle sanzioni illegali. Inoltre il processo di unificazione farà semplificare il controllo della produzione dei prodotti richiesti. Farà anche sviluppare nuove competenze e espandere la cooperazione con i paesi amici”, ha detto Putin.

Minsk e Mosca sempre più vicine

Minsk e Mosca si sono riavvicinate dopo che il presidente Putin ha sostenuto il suo omologo bielorusso, Aleksander Lukashenko, durante le proteste antigovernative a seguito delle elezioni contestate. A sua volta Minsk ha sostenuto l’invasione russa dell’Ucraina.  La scorsa settimana, il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, ha affermato che Russia e Bielorussia devono adottare misure congiunte urgenti per migliorare le loro capacità di difesa e la prontezza al combattimento delle loro truppe. Nei giorni scorsi, Lukashenko ha visitato San Pietroburgo. Putin gli ha detto che la Russia stanzierà presto missili in grado di trasportare testate nucleari in Bielorussia. Durante un incontro a Minsk tra Lukashenko e il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, il presidente bielorusso ha affermato che la Russia “deve essere pronta” a rispondere alle presunte minacce nucleari delle potenze occidentali.


Leggi anche: Lavrov: nuova cortina di ferro in discesa tra Russia e Occidente