Putin invia 400 criminali in prima linea in Ucraina

0
374
I russi sostengono davvero la guerra in Ucraina?

Il presidente russo Vladimir Putin invia 400 criminali in prima linea in Ucraina. La decisione di mandare dei prigionieri condannati per crimini gravi mette in evidenza la disperazione di Mosca per le recenti sconfitte in Ucraina.

Putin invia 400 criminali in Ucraina

Mentre prosegue la controffensiva di Kyiv, il presidente russo Vladimir Putin avrebbe inviato 400 criminali in Ucraina per combattere. Un video mostra due prigionieri delle colonie penali nella regione di Tambov che si sono arruolati come combattenti. Secondo quanto riferito, una dozzina di furgoni carichi di detenuti sono arrivati in un campo di addestramento nel sud della Russia. Dopo un addestramento militare superficiale, questi criminali, che comprendono assassini, molestatori sessuali e ladri, sono inviati in prima linea in Ucraina. I disertori sono stati avvertiti che subiranno conseguenze. Invece colori che si impegneranno nell’addestramento militare saranno perdonati da Putin e porranno riprendere la loro vita, non importa quanto atroci siano stati i loro crimini.

Yevgeny Prigozhin, uno dei principali alleati di Putin, ha affermato al quotidiano Komsomolskaya Pravda che i recenti guadagni territoriali da parte dell’Ucraina rappresentano una disgrazia per la Russia. Prigozhin ha quindi aggiunto che i prigionieri russi sarebbero stati utili nel contrastare l’avanzata di Kyiv. Prigozhin è stato visto questa settimana in un video straordinario mentre reclutava detenuti come soldati in una prigione russa. Il filmato evidenzia la disperazione del Cremlino di trovare combattenti mentre il suo esercito regolare subisce sconfitte umilianti e perdite catastrofiche nella regione di Kharkiv.


Leggi anche: Ucraina: trovata una fossa comune a Izyum