Putin firma legge per limitare personale nei Paesi “ostili”

La Russia dichiara anche il sito di notizie indipendente Meduza “un agente straniero”

0
509
Vladimir Putin ha distrutto la società russa

Il presidente russo Vladimir Putin firma una legge che limita il personale diplomatico nei Paesi definiti “ostili”. Intanto, in Russia continua la limitazione della libertà di espressione. Mosca ha infatti dichiarato il sito di notizie indipendente Meduza un “agente straniero”.

Putin firma una nuova legge?

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato una legge che limita il personale in ambasciate, consolati e agenzie in Paesi “ostili”. La legge firmata ordinerà anche al governo di mettere insieme un elenco di paesi che saranno oggetti alle restrizioni. Secondo quanto riferito dal sito web del Cremlino, i tagli del personale avverranno in “organi statali e istituzioni statali di Stati stranieri che commettono atti ostili contro la Federazione Russa”.  

La legge giunge mentre le Russia deve fronteggiare una serie di controversie diplomatiche con le potenze europee e occidentali. Russia e Repubblica Ceca hanno reciprocamente espulso diplomatici di recente. L’accaduto è avvento dopo che Praga aveva accusato Mosca di aver avuto un ruolo in un’esplosione in un deposito d’armi avvenuta a Vrbětice nel 2014. Nel frattempo, le nazioni europee hanno espresso indignazione per un rafforzamento militare lungo il confine della Russia con l’Ucraina, che è stato annullato alla fine di questa settimana, tra i timori che Mosca stesse pianificando un’invasione dell’Ucraina orientale. E gli USA hanno imposto una nuova una serie di sanzioni alla Russia per le sue azioni “maligne”. Hanno anche espulso 10 diplomatici, inclusi alcuni funzionari accusati da Washington di essere agenti dell’intelligence. La Russia ha risposto espellendo diversi diplomatici americani.

Mosca mette il bavaglio alla stampa indipendente

Il Ministero della Giustizia ha annunciato che la Russia ha dichiarato il principale sito di notizie indipendente Meduza un “agente straniero”.  Una dichiarazione sul sito web del ministero afferma che la decisione, che include anche il sito di notizie Pasmi (“First Anti-Corruption Media”) con sede a Mosca, è stata presa “in conformità con i requisiti della legge russa”.  Meduza ha affermato che rifiuta la decisione e l’avrebbe impugnata in tribunale. Nella dichiarazione si legge: “All’inizio di oggi, le autorità russe hanno designato Meduza come un media agente straniero. Respingiamo categoricamente questa decisione e intendiamo impugnare la designazione in tribunale”.

Gli individui e i gruppi etichettati come agenti stranieri sono tenuti a riferire sulle loro attività e ad affrontare pesanti controlli finanziari.  La designazione di “agente straniero” di Meduza arriva prima delle elezioni parlamentari di questo autunno. In queste elezioni il partito al governo pro-Cremlino sta cercando di mantenere la sua maggioranza. I legislatori russi stanno anche prendendo in considerazione una legislazione che vieti agli agenti stranieri di candidarsi alle cariche federali.


Putin parlerà alla nazione tra le proteste pro Navalny

Putin avverte provocatori e Occidente: nessuno superi la linea rossa