Putin dichiara l’emergenza per il disastro ambientale nell’Artico

0
155
Expert started to eliminate the leak

La furia del presidente contro i responsabili che avrebbero tenuto nascosto l’accaduto per due giorni: «Dobbiamo venire a saperlo dai social media?»

In uno dei momenti più delicati della propria vita politica, all’ennesima brutta notizia, Vladimir Putin ha perso pubblicamente le staffe. Da settimane appare ogni giorno sui teleschermi, piuttosto rabbuiato, incorniciato insieme a funzionari di vario tipo in interminabili collegamenti che hanno lo scopo di mostrare al Paese che tutto è sotto controllo. Malgrado l’epidemia, la quarantena, la crisi economica, il calo di popolarità che getta ombre sull’imminente referendum costituzionale.

A tutto questo si è aggiunto un nuovo disastro ambientale nella regione artica, risalente al 29 maggio. Secondo quanto chiarito dalla Commissione investigativa, in seguito a un calo di pressione in una centrale termo-elettrica presso Norilsk, 300 km oltre il Circolo polare, 20mila tonnellate di combustibile diesel e lubrificanti sono fuoriusciti da una cisterna: 15mila tonnellate si sono riversate nel fiume Ambarnaja, 6.000 sono state assorbite dal terreno.

A rischio la rete dei fiumi siberiani: si teme che sia stato il permafrost, a rischio scioglimento per il riscaldamento climatico che scuote la Siberia più di ogni altra regione al mondo, all’origine dell’incidente. Avrebbero ceduto pilastri che finora, sostenuti dalla terra gelata, avevano resistito per decenni senza problemi, dichiarano i proprietari dell’impianto. E ora ci vorranno decenni per sanificare il fiume, che nelle fotografie pubblicate sui social dai residenti, o scattate dal satellite, appare soffocato da gigantesche chiazze rosse e viola.

L’importanza dei social media

Mentre Norilsk Nickel – il colosso minerario su cui poggia la regione, primo produttore al mondo di nickel e palladio – è al lavoro per contenere le conseguenze dell’incidente, Putin ha confermato la necessità di dichiarare lo stato d’emergenza. Ma quello che lo ha fatto infuriare è stato sapere che i proprietari dell’impianto – NTEK, sussidiaria di Norilsk Nickel – avrebbero tenuto nascosto l’accaduto. Le autorità locali e il governatore di Krasnojarsk, Aleksandr Uss, avrebbero saputo tutto – due giorni dopo – dai social.

«Perché le agenzie governative lo hanno scoperto solo due giorni dopo? Dobbiamo venire informati delle emergenze dai social media? – ha sibilato Putin in videoconferenza rivolto al responsabile di NTEK,Serghej Lipin – È sicuro di stare bene?». Saranno ora gli inquirenti a stabilire le rispettive responsabilità, che gli interlocutori di Putin hanno iniziato a riversare uno sull’altro, in diretta tv. Giovedì mattina il ministro Evghenij Zinichev, responsabile per la Protezione civile, ha fatto sapere di aver individuato la strada per gestire le conseguenze dell’incidente: «Penso che sia stata trovata la soluzione, e la eseguiremo», ha detto Zinichev, citato dall’agenzia Ria Novosti. Senza entrare nei dettagli.

Commenti