Putin definisce il governo ucraino un “regime illegittimo”

0
206
Putin definisce il governo ucraino un “regime illegittimo”

Il presidente russo Vladimir Putin definisce il governo ucraino un “regime illegittimo”. Putin definisce anche le sanzioni occidentali “una minaccia per il mondo intero”. Il leader del Cremlino ha anche dichiarato che la Russia non ha perso nulla a causa della sua campagna militare in Ucraina.

Vladimir Putin definisce il governo ucraino un “regime illegittimo”

Parlando all’Eastern Economic Forum (EEF), il presidente russo Vladimir Putin ha definito il governo ucraino un “regime illegittimo“, affermando che è stato fondato dopo un colpo di Stato nel 2014. Putin ha poi parlato delle sanzioni imposte dall’Occidente contro Mosca. Il presidente russo ha definito tali sanzioni una “minaccia per il mondo intero”. Denunciando quella che ha descritto come “febbre delle sanzioni” in Occidente, Putin ha definito le misure “tentativi aggressivi non mascherati di imporre modelli di comportamento ad altri paesi, privarli della loro sovranità e subordinarli alla loro volontà”.

Putin vuole ridiscutere l’accordo sul grano

Putin ha anche affermato di voler discutere della riapertura dell’accordo mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia. Tale accordo consente all’Ucraina di esportare il suo grano attraverso il Mar Nero. Il leader del Cremlino accusa Kyiv e l’Occidente di usare l’accordo per ingannare i paesi in via di sviluppo e la Russia. Second Putin, Ucraina e UE non stanno rispettando i termini dell’accordo in quanto la maggior parte del grano sarebbe stato inviato all’UE anziché ai paesi più poveri.  

Dopo i commenti di Putin, il consigliere del presidente ucraino Zelensky, Mykhailo Podolyak, ha dichiarato a Reuters che la Russia non ha motivo per rivedere l’accordo che consente all’Ucraina di esportare grano dai porti del Mar Nero. Podolyak ha poi sottolineato che i termini dell’accordo sono rigorosamente rispettati. Ha infine detto che le dichiarazioni infondate di Mosca sono un tentativo di trovare nuovi spunti di discussione aggressivi per influenzare l’opinione pubblica globale e, soprattutto, fare pressione sulle Nazioni Unite.


Leggi anche: Cremlino: forniture gas riprenderanno con stop sanzioni