Putin accusa l’Occidente di voler “incatenare” la Russia

Il presidente russo ha esortato la sua agenzia di Intelligence di stare in guardia contro l’Occidente

0
474
Putin accusa l’Occidente

Crescono le tensioni tra la Russia e l’Occidente. Dopo che l’UE ha deciso di imporre nuove sanzioni contro Mosca, il presidente russo Vladimir Putin accusa l’Occidente di voler “incatenare” la Russia. Putin, parlando all’agenzia dei servizi di sicurezza federale (FSB), ha esortato l’Intelligence a stare in guardia contro le minacce l’Occidente.

Putin accusa l’Occidente: cos’è successo?

Le relazioni tra Russia e Occidente si stanno avvicinando al punto più basso dalla Guerra Fredda. L’UE e gli USA hanno infatti deciso di imporre nuove sanzioni a Mosca. Le sanzioni sarebbero dovute all’arresto dell’oppositore russo Aleksej Navalny, che secondo l’Occidente si tratterebbe di un arresto politicamente motivato. Dopo la decisione dell’UE il presidente russo Vladimir Putin ha accusato l’’Occidente di voler “incatenare” la Russia.

Parlando all’agenzia dei servizi di sicurezza federale (FSB) nel suo discorso annuale all’agenzia di Intelligence, Putin ha esortato l’Intelligence a stare in guardia contro le minacce dell’Occidente. Ha detto: “L’Occidente sta cercando di incatenarci con sanzioni economiche e di altro tipo. Siamo di fronte alla cosiddetta politica di contenimento della Russia. Non si tratta di concorrenza, ma di una linea coerente e molto aggressiva volta a interrompere il nostro sviluppo, rallentandolo, creando problemi lungo i nostri confini”. Putin ha poi affermato che gli sforzi dell’Occidente sono volti a provocare instabilità interna per minare i valori che uniscono la società russa. Questa instabilità alla fine indebolisce la Russia per portarla sotto il controllo esterno.

Il presidente russo ha chiesto all’FSB di mettere in cima alla lista delle priorità la minaccia occidentale, insieme al compito principale di contrastare il terrorismo. Putin ha dichiarato: “Anche la soppressione di qualsiasi tentativo dall’esterno di usurpare il diritto del popolo russo di determinare il proprio futuro dovrebbe essere nel vostro campo di attenzione”.

Le tensioni tra Russia e Occidente crescono dopo l’arresto di Navalny

All’inizio di questo mese il presidente Putin ha accusato l’Occidente di usare Navalny per cercare di contenere la Russia. Secondo Putin, Navlany avrebbe infatti il sostegno dei servizi segreti americani. Mercoledì scorso, durante un discorso al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha criticato l’Occidente per essersi rifiutato di sospendere le sanzioni nonostante una recessione economica globale causata dalla pandemia. L’UE questa settimana ha concordato di imporre sanzioni a quattro funzionari russi coinvolti nell’incarcerazione di Navalny. Queste nuove sanzioni si aggiungono ad una serie di altre sanzioni che la Russia deve affrontare per le interferenze elettorali e il conflitto in Ucraina.


Processo Navalny: tribunale conferma il carcere

Corte Europea dei diritti chiede il rilascio di Navalny