Puerto Rico: proteste contro l’interruzione di corrente

0
259
Puerto Rico

A Puerto Rico migliaia di cittadini sono scesi in piazza per protestare contro le continue interruzioni di corrente. I manifestanti puntano il dito contro la società Luma. Da quando il 1° giugno Luma ha firmato un contratto per la gestione della rete elettrica sull’isola la situazione, già difficile, sull’isola è peggiorata. Negli ultimi mesi si sono verificate numerose interruzioni di corrente.

Scoppiano le proteste a Puerto Rico: cos’è successo?

Migliaia di portoricani sono scesi in piazza per protestate contro le continue interruzioni di corrente che si verificano in tutta l’isola. Oltre 4 mila manifestanti hanno bloccato l’autostrada nella capitale San Juan. I manifestanti hanno marciato per denunciare come la mancanza di elettricità abbia influito sulla loro salute, sul lavoro e sull’istruzione dei bambini. La protesta è andata avanti nella notte con i manifestanti che hanno tirato fuori i loro telefoni una volta che è diventato buio e hanno acceso le torce.

I manifestanti chiedono di licenziare Luma, una società privata che, il 1° giugno, ha firmato un contratto di 15 anni per rivelare la trasmissione e la distribuzione di energia sull’isola. Alcuni manifestanti sono anche arrabbiati con l’Autorità per l’Energia Elettrica di Puerto Rico, che possiede e gestisce unità di generazione che si sono guastate negli ultimi settimane in gran parte a causa della mancanza di manutenzione e riparazione.

I problemi della linea elettrica sull’isola

La rete elettrica di Puerto Rico è diventata sempre più instabile dopo che l’uragano Maria ha colpito l’isola nel settembre 2017. Gli sforzi per rafforzare la rete devono ancora iniziare. Il governo ha annunciato giovedì il primo esborso di fondi federali all’Autorità per l’energia elettrica, con 7,1 milioni di dollari previsti per i lavori di ricostruzione. Il denaro fa parte di un totale di 9,5 miliardi di dollari obbligati dalla Federal Emergency Management Agency degli Stati Uniti per ricostruire la rete.


Leggi anche: La crisi del gas sta travolgendo l’Europa e non solo