Providencia: un paradiso terrestre nel Mar dei Caraibi

0
601
isla de providencia

Circondata da una barriera corallina che la cinge come una collana dai colori sgargianti, l’Isola colombiana di Providencia è una meravigliosa gemma incastonata nel Mar dei Caraibi.

Providencia

Situata a circa 800 km dalla Colombia continentale, alla quale appartiene politicamente, Providencia fu una delle prime colonie dell’Inghilterra. Meta di turismo poco nota, viste le difficoltà nel raggiungerla (non ci sono comodi voli charter che vi ci porteranno), è situata a poca distanza dalla più conosciuta isola di Santa Catalina. Per arrivarci potreste prendere uno di quegli aerei a 26 posti, con i motori ad elica, e pregare che resti in volo il tempo sufficiente ad arrivare in questo piccolo paradiso terrestre. Una volta atterrati vi troverete di fronte una lunga cresta verde, increspata da alcuni picchi vulcanici. Tutto questo verde è circondato dall’oro delle spiagge e dai colori della terza barriera corallina più lunga al mondo.

Storia

L’isola era inizialmente una base per i pirati olandesi. Solo quando un gruppo di coloni giunse a brodo della Seaflower nel 1631, Providencia divenne una colonia inglese. I puritani diedero un’occhiata in giro e pensarono che fosse perfetta per le pregiate colture di cotone che la terra del Massachusetts rifiutava. Inoltre l’isola, situata tra l’America centrale e meridionale, godeva di una posizione strategica: l’ideale per cogliere di sorpresa le navi spagnole.

Così i puritani apparecchiarono il loro banchetto e si prepararono a combattere i cattolici spagnoli, all’epoca acerrimi rivali. Iniziarono a portare schiavi dall’Africa e lottarono contro le incursioni spagnole, la siccità e la scarsa produttività di un terreno che, in apparenza, sembrava idoneo allo scopo. Nel 1641, l’ennesima incursione spagnola mise fine ai propositi inglesi.

Turismo

A Providencia non troverete alberghi a cinque stelle con piscina. Se fate un giro potreste incappare però in qualche motel da 25 euro a notte. I materassi non saranno comodi, ma chi ha bisogno di dormire quando c’è tutto un mondo a colori da visitare? Le temperature stagionali si aggirano intorno ai 25-30 gradi, e se siete abbastanza folli da visitare la bella isola nel periodo che va da settembre a dicembre, avrete da fare i conti con la stagione delle piogge: violenti acquazzoni inframezzati da schiarite.

Qualunque periodo scegliate per visitarla, sappiate che l’isola può accogliere un massimo di 100 visitatori per volta. I 5.000 residenti saranno ben lieti di darvi il benvenuto e mostrarvi spiagge, baie e cascate. Dovreste riuscire a vederle tutte in poco tempo, dato che l’isola ha un’estensione di soli 17 kmq. Sulle spiagge troverete palme rigogliose e sparute baracche. La parte interna dell’isola è invece punteggiata di casupole color pastello e strutturata in sette villaggi. Il più grande è quello di Santa Isabel, situato nella Old Town. Lì troverete negozi, caffè, chiese e il municipio.

L’isola del tesoro e Providencia

Il capitano Morgan, nominato ne l’Isola del Tesoro di Stevenson, è legato all’isola di Providencia a stretto raggio. Morgan e la sua banda di pirati attaccarono gli spagnoli a più riprese quando questi presero possesso dell’isola. Tolsero loro il dominio sulla bellezza caraibica e vi si stabilirono. Gira voce che Morgan in persona abbia nascosto tesori sottratti agli spagnoli sulla piccola isola di Santa Catalina, e nelle vicine isole ci sono luoghi a lui intitolati. A San Andrès, ad esempio, c’è la Grotta di Morgan: un anfratto i cui labirinti sotterranei si estendono per Dio solo sa quanto sotto la roccia dell’isola. Lì si racconta che Morgan abbia seppellito parte del suo tesoro. E c’è un cartello, all’ingresso della grotta, che informa i visitatori. Nel caso ci fosse qualche amante delle cacce al tesoro, il cartello specifica che se un tesoro è esistito, di sicuro è scomparso da tempo.

Sull’isola di Providencia, invece, c’è il Morgan’s Head: una roccia come un testone che fissa il mare, chiedendosi che fine abbiano fatto quei tesori nascosti.

Foto sito ufficiale Isla De Providencia