Produzione Honda: la “settimana sabbatica” della casa nipponica

0
260
Produzione Honda

La situazione per la produzione Honda, desta estrema preoccupazione. A far fronte alle problematiche, la casa nipponica, decide quindi di interrompere la produzione in Nord America per una settimana. Ma il periodo potrebbe allungarsi.

Perché in Nord America la produzione Honda si ferma?

Per adesso, si è stabilito un periodo di fermo di una settimana, ma non si esclude che lo stesso possa subire ulteriori proroghe. La casa automobilistica, dovrà quindi attuare nuove strategie di mercato. Purtroppo, la decisione non è fine a se stessa, ma inevitabilmente, trascina nella nassa anche determinati settori. Questi settori, sono fatti di persone, che riceveranno il ben servito e saranno licenziati. Scaturirà, quindi, un taglio del personale per ciò che concerne gli stabilimenti canadesi e statunitensi di produzione Honda. Sono quattro le cause che hanno portato la casa a prendere tutte queste decisioni. La prima e indiscussa è legata alla pandemia. La seconda che è stata affrontata anche recentemente per VW, finita anch’essa nella nassa dei microchip. La terza riguarda la congestione in diversi porti e la quarta il rigido clima delle ultime settimane.

Nuova Honda Civic: immagini diffuse prima del lancio ufficiale

I tagli alla produzione ed il futuro incerto

Stando quindi a quanto visto fino ad ora, i tagli ci saranno, ma la situazione, dovrà essere monitorata giorno per giorno per fare una prospettiva verso il futuro. Un futuro, che per adesso pare molto incerto per la casa nipponica. Non sappiamo ancora quanto questo arresto forzato andrà ad incidere sul volume di produzione. Sebbene, sappiamo che un team di esperti sta lavorando per ridurre i danni al minimo. Pare però, secondo ciò che se ne evince da Reuters, che i dipendenti non risentiranno probabilmente di questa “settimana sabbatica” e che continueranno regolarmente a lavorare. Il punto interrogativo resta, se la situazione dovesse ampiamente prendere campo per il futuro. In Messico, comunque, lo stabilimento, non sarà vittima di nessun blocco.