Primi Ministri britannici: firme e ritratti da collezione

Hamilton Bland ha riunito documenti autografi dei politici dal 1721 a oggi

0
240
Johnson si dimette dalla carica di primo ministro

Una collezione di firme dei Primi Ministri britannici racconta la storia della politica del paese dal 1721 a oggi. Giovedì 16 dicembre Dominic Winter Auctioneers propone un lotto di dieci pannelli coi fotogrammi degli uomini di Stato. Il valore della serie è stimato tra 10 e 15mila £.


Ricoverato in ospedale il primo ministro inglese Boris Johnson


Cosa compone la serie di firme dei Primi Ministri britannici?

Gli autografi riuniti nella collezione sono inseriti in manoscritti, lettere e documenti e correlati ai ritratti dei politici. Ha provveduto alla raccolta dei materiali il commerciante Hamilton Bland che ha impiegato otto anni per mettere insieme il lotto. L’appassionato ha così individuato i Primi Ministri da Sir Robert Walpole a Boris Johnson che si sono succeduti in 300 anni. Sono 55 uomini di Stato che ha inserito in ordine in cornici per presentarli adeguatamente.

Robert Walpole e la carica di Primo Ministro

Ha governato l’Inghilterra durante il regno di Giorgio I, definendo i principi del sistema parlamentare britannico. Componente del partito Whig, ha istituito la carica di Primo Ministro che ha ricoperto lui stesso. Ha concesso la libertà commerciale alle colonie e ha favorito lo scambio di merci e manufatti all’interno del paese. Nelle relazioni internazionali ha lavorato poi all’intesa con la Francia e evitato l’entrata in guerra in Polonia.

Hamilton Bland

La serie di firme ha valore perché sono tutte autentiche e forniscono una testimonianza della storia dell’Inghilterra. Per trovare documenti sottoscritti dai Ministri britannici si è avvalso delle proprie conoscenze, ricercando gli atti tra altre carte. Per recuperare un autografo del quarto duca di Devonshire, William Cavendish ci ha messo cinque anni. Attraverso i politici, si delinea la storia di un paese che ha vissuto la Dichiarazione di Indipendenza Americana, la Rivoluzione Francese e due Guerre Mondiali. Le attese per il riscontro da parte dei collezionisti sono alte. Infatti, gli esperti della casa d’asta si aspettano una battaglia di rilanci all’ultima offerta.