PriamArt: la rassegna ospita fotografi e pittori

Dopo due anni di interruzione per la pandemia, riprende la rassegna artistica organizzata da EventidAmare e curata da Luciano Caprile. L’ingresso è gratuito.

0
386
PriamArt
Enrico Merli "Nuovo inizio"

Da mercoledì 5 a domenica 16 gennaio 2022 torna PriamArt, rassegna artistica che si svolge a Palazzo del Commissario. In esposizione ci sono le opere di: Aurora Bafico, Balàzs Berzsenyi, Paola Bradamante, Rosa Brocato, Gianni Carrea, Teresa Fior. Presentano i propri lavori anche: Corrado Leoni, Pier Giorgio Leva, Aldo Marrale (Maurice), Enrico Merli, Agnese Valle. La nona edizione di PriamArt, curata da Luciano Caprile, è organizzata da “EventidAmare” e dall’associazione culturale Liguria-Ungheria. 


AitArt ha ideato la rassegna “Passione arte”


PriamArt è un evento che ha richiesto l’impegno dei sodalizi promotori?

Pietro Bellantone, Presidente delle associazioni culturali “EventidAmare” e Liguria-Ungheria spiega il lavoro per l’iniziativa. «Dopo otto edizioni e oltre due anni di stop forzato PriamArt torna all’interno della Fortezza savonese. Nonostante le grosse difficoltà legate alla pandemia, nell’ultimo anno la nostra attività è lentamente ripresa. Già a maggio 2021 abbiamo proposto l’evento “Tra storia, musica e arte sacra”. All’iniziativa sono seguite tra luglio e agosto tre mostre personali di Gianni Carrea, Enrico Merli e Aurora Bafico, allestite nella galleria delle esposizioni del Galata Museo del Mare. Agli inizi di dicembre abbiamo organizzato una personale dell’eclettica artista patavina Claudia Nicchio, realizzata all’interno di una filiale di Padova di Banca Carige».

L’evento e i suoi ospiti

Negli anni passati con PriamArt la Fortezza ha avuto l’onore di ospitare lavori di grandissimi Maestri dell’arte. Hanno infatti partecipato Giannetto Fieschi, Flavio Costantini, Aurelio Caminati e Luciano Caviglia. Inoltre, l’evento ha ospitato importantissimi critici del calibro di Germano Beringheli, Daniele Grosso Ferrando, Stefano Bigazzi. Luciano Caprile che era presente alle passate edizioni è il curatore della nona esposizione della rassegna.

La location e la comunità di Savona

Pierangelo Olivieri, Presidente della Provincia di Savona commenta la scelta dell’ambientazione della rassegna. «PriamArt 2022 è un’importante iniziativa che si svolge in uno dei siti che maggiormente caratterizzano il territorio. Con la sua maestosità, la Fortezza del Priamàr rappresenta la forza della nostra comunità, ancora di più in questo periodo di emergenza. È un significativo baluardo a difesa di tutti noi e dei nostri valori culturali e sociali». Giuseppe Giacomini, Console onorario di Ungheria per la Liguria ha espresso un parere positivo sull’evento. «Dopo due anni di “tempo sospeso”, l’occasione ci sembra particolarmente significativa per riprendere l’attività culturale in presenza. Si riparte da una splendida tradizione che la Fortezza del Priamàr ha ospitato per tanti anni con crescente successo di pubblico e di critica».

L’inaugurazione di PriamArt

La fortezza Priàmar rappresenta un prestigioso spazio espositivo. Durante PriamArt i visitatori possono ammirare le opere di undici artisti di valore dai molteplici stili pittorici e fotografici. L’esposizione inaugura mercoledì 5 gennaio alle 16, alla presenza del curatore Luciano Caprile. Partecipano anche il Presidente di “EventidAmare“, Pietro Bellantone, e il Direttore Banca Carige Area di Savona, Carlo Sambarino. Al termine della cerimonia è prevista una spiegazione dei lavori. L’esperto d’arte farà riferimento alla location e alla qualità delle creazioni presentate. «Dall’alto della fortezza che domina il mare e Savona esponiamo i lavori di alcuni artisti che operano nel nostro territorio. I paesaggi misteriosi di Aurora Bafico dialogano coi suggestivi scatti, incentrati sul tema della violenza alle donne, del magiaro Balàzs Berzsenyi. Il talento è presente come fotografo e non come scultore». L’esposizione è aperta tutti i giorni fino al 16 gennaio 2022 con orario continuato dalle 10.30 alle 18.

Immagina cartella stampa.