Prevenzione dell’ictus: da utopia a realtà

Prevenire la patologia si può e sembrerebbe non essere così difficile

0
461
prevenzione dell'ictus

“Prevenire è meglio che curare”. E’ una frase che ci sentiamo rifilare di continuo, fin dalla più tenera età. Sebbene possa sembrare come un cliché, queste parole contengono una verità a volte sottovalutata. E’ ormai noto che un corretto stile di vita, è la prima medicina per ognuno di noi. La prima risorsa che abbiamo per mantenerci in salute. Addirittura, gli esperti hanno ormai affermato che attraverso uno modo di vivere il più possibile sano, si possono prevenire patologie gravi e spesso nocive. In particolare, si stanno facendo grandi passi avanti nella prevenzione dell’ictus.

Prevenzione dell’ictus: come attuarla?

Innanzitutto, è di fondamentale importanza conoscere prima cosa sia questa patologia. Letteralmente, ictus significa colpo. La definizione potrebbe essere dovuta alla maniera improvvisa e silenziosa con la quale la malattia insorge. L’ictus, compare quando si verifica un’interruzione del flusso ematico in un’area più o meno estesa del cervello. Questa può essere dovuta alla presenza di un ostacolo, come un coagulo di sangue, o alla rottura di un vaso cerebrale. Nel primo caso si parla di ictus ischemico, nel secondo di ictus emorragico. Per quanto la patologia sia silenziosa, in realtà i suoi sintomi possono essere notati preventivamente, in modo da aumentare le chances di successo della terapia. La sintomatologia può variare da persona a persona. Tuttavia, a prevenire l’ictus possono esserci alcuni fattori comuni.

Tra questi, dolore alle articolazioni, difficoltà a deambulare, parziale incapacità ad articolare frasi di senso compiuto, labile coordinamento dell’equilibrio. In caso di comparsa di uno o più di questi sintomi, è bene rivolgersi al proprio medico di base. Soprattutto, per chi ha già sperimentato la patologia, è fondamentale seguire il follow-up medico prescritto. Esistono inoltre maniere di prevenzione che tutti dovremmo tenere a mente. Innanzitutto, una dieta sana. Con sana s’intende in prevalenza priva di cibi artificiali e grassi saturi, preferendo invece quelli insaturi. Ciò significa evitare il più possibile gli alimenti di origine animale, soprattutto grassi e carni rosse. Naturalmente, esimersi dall’assunzione di fumo e alcool, gioca a nostro favore. Non sottovalutiamo inoltre il peso e la pressione arteriosa. Mantenersi in forma, facendo regolare attività fisica, aiuta a prevenire ictus e molte altre patologie.

La salute è di tutti

E’ vero, prevenire è meglio che curare. Lo abbiamo detto. Tuttavia, non si tratta dell’unica verità di quest’aspetto. Prevenire, si rivela spesso più semplice che curare. E lo possiamo fare in maniera autonoma. Basta attuare alcune modifiche al nostro stile di vita. Per alcune persone questi cambiamenti potrebbero sembrare enormi. “Non voglio vivere malato per morire sano”, dicono molti anziani. La realtà è che di frequente, ciò che noi definiamo sano, è già di per sé malato. Vivere di vizi, non ponendosi alcun limite e considerando la salute come scontata, è il metodo più efficace per sviluppare patologie a volte incurabili. Uno stile di vita sano, è invece il primo passo verso quell’esistenza duratura e felice, alla quale in genere si auspica.