Presidente della Romania Iohannis, pronti ad attirare ingenti fondi europei

0
275

La Romania si prepara ad attirare ingenti fondi europei. Lo ha detto oggi il presidente romeno, Klaus Iohannis in una dichiarazione stampa al Palazzo Cotroceni dopo un incontro con il premier Ludovic Orban. Iohannis ha affermato, facendo riferimento ad una proposta della Commissione europea, che l’idea è che i fondi pluriennali siano discussi “a pacchetto” con i fondi volti a rilanciare l’economia.

“Questa è una proposta della Commissione che riteniamo valida. Ciò significa che i fondi pluriennali, il cosiddetto QFP (quadro finanziario pluriennale), saranno discussi insieme ai fondi destinati alla rivitalizzazione economica, per aumentare la resilienza, sviluppo economico nell’Unione europea. Quindi, noi, Romania, beneficeremo anche di più fondi europei rispetto a quelli inizialmente previsti nel piano iniziale, prima della crisi”, ha sottolineato il capo dello stato.

Iohannis ha spiegato che questo progetto non è definitivo, ma sarà negoziato: una prima fase avrà luogo al Consiglio europeo del 18 e 19 giugno. I fondi verranno utilizzati in Romania per investimenti in autostrade, infrastrutture ferroviarie, energie rinnovabili e sistemi pubblici. “Abbiamo analizzato tutte le opportunità. Investiremo questi soldi in progetti molto importanti per la Romania.

Non solo ripresa economica, quindi le aziende riceveranno anche l’opportunità di utilizzare questi soldi, ma, cosa molto importante, investiremo in autostrade, investiremo in ferrovie, investiremo in progetti di energia rinnovabile, miglioreremo i sistemi pubblici, investiremo denaro importante nel sistema sanitario pubblico, nel sistema educativo. Tutte queste cose saranno preparate in dettaglio, ma fino ad allora, siamo determinati a lottare per ricevere una dotazione molto consistente per la Romania“, ha aggiunto il presidente romeno. “Ci stiamo preparando per attirare ingenti fondi europei, che investiremo a beneficio della Romania e, ovviamente, dei romeni”, ha dichiarato Iohannis.

Commenti