Prefestival Bookolica: dibattiti sui titoli sull’ecologia

Dal 2 al 7 settembre un'anteprima della rassegna sarda in programma il 10 e 12

0
316
Greta Thunberg divulga un nuovo rapporto sull’inquinamento

Mancano pochi giorni all’avvio della rassegna di lettura di Tempio Pausania e già il prefestival Bookolica è un’anteprima. Un evento che tratta i cambiamenti climatici attraverso la produzione editoriale e letteraria di giornalisti e scrittori. Dal 2 al 7 settembre soltanto online.


A Bookolica anche le sezioni manga e narrativa sportiva


Perché assistere agli appuntamenti del prefestival Bookolica?

Per approfondire l’argomento della tutela dell’ambiente con esponenti del panorama culturale italiano. Esperti della comunicazione dei mass media trattano la questione presentando esempi virtuosi e problematiche da risolvere, oltre ai protagonisti delle azioni più eclatanti. Gli incontri hanno il patrocinio dell’Università di Firenze. Massimo Carta, Docente al Dipartimento di Architettura (DIDA) dell’UNIFI e Marzio Chirico, attivista ambientale, curano l’iniziativa.

Attivisti e scrittori tra gli ospiti

Giovedì 2 settembre il dibattito è incentrato sulle api e il loro ruolo nell’impollinazione. Dialogano le giornaliste freelance Monica Pelliccia e Adelina Zarlenga che si soffermano sull’alimentazione e l’agricoltura. Venerdì 3 Giorgio Brizio, attivista “Fridays for future”, presenta il libro “Non siamo tutti sulla stessa barca”. L’autore scrive di mare, rendendolo il simbolo delle attività umane e delle conseguenze sul clima. Un altro titolo da leggere se si è interessati all’ecologia è “La Terra salvata dagli alberi”. Lo scrittore Ludovico del Vecchio parla del proprio lavoro al docente universitario Francesco Ferrini. Sabato 4 l’autore infatti descrive il valore della flora nella società e consiglia la coltivazione di alcune specie arboree.

Biodiversità e donne impegnate nella tutela ambientale

Il 5 settembre Elena Granata del Politecnico di Milano presenta in anteprima il libro sulle città sostenibili. In uscita a ottobre “Gli inventori dei luoghi che abiteremo” è dunque una riflessione sui cambiamenti in atto nella società contemporanea. Il giorno dopo Annalisa Corrado parla del ruolo delle donne nella difesa dell’ambiente. In “Le ragazze salveranno il mondo” l’autrice cita Rachel Carson e Greta Thunberg e l’impegno che hanno speso per la causa naturalistica. Conclude quindi il prefestival Franco Borgogno col libro “Plastica. La soluzione siamo noi”. Il racconto di persone che con creatività e ingegno hanno contribuito alla lotta all’inquinamento.