Porsche 911 Gunther Werks: una 993 riveduta e corretta

Il restomod del leggendario modello della casa tedesca ad opera di un piccolo produttore californiano

0
572
porsche 911 gunther werks

Di tutte le Porsche 911 che si sono succedute nel corso degli anni, una delle preferite dagli appassionati è la 993. Motivo? E’ considerata l’ultima vera 911, almeno secondo i puristi del marchio di Stoccarda. Tra i sostenitori di questa tesi c’è anche la Gunther Werks, azienda californiana che da qualche anno realizza delle Porsche 911 davvero speciali. Un vero restomod, con il preciso scopo di portare questo classico nel 21esimo secolo, senza intaccarne la purezza. Andiamo a scoprirlo.

Porsche 911, com’è fatta una Gunther Werks?

La base di partenza è una 993 di serie, spogliata e privata di tutto. Il lavoro comincia dalla carrozzeria, che mantiene le forme originali ma si arricchisce di parti in fibra di carbonio. Dal muso allo spoiler, questo materiale derivato dalle corse fa la sua presenza quasi ovunque nella macchina. I fari anteriori e posteriori mantengono la forma originale, ma si arricchiscono dei proiettori led, un must per un’auto moderna. Il tutto senza intaccarne le forme classiche, in perfetto stile Gunther Werks.

Meccanica ed assetto elaborati

Il motore sei cilindri boxer finisce nelle mani della Rothorsport Racing, la quale ne aumenta la cilindrata a 4 litri. Il risultato sono 440 CV e 454 Nm di coppia. Il cambio è quello della vettura originale, il Getrag a cinque rapporti, ma viene smontato e sottoposto a trattamenti per reggere la coppia maggiorata. Le sospensioni sono quelle di fabbrica, ma solo per lo schema. Le componenti vengono da firme dell’aftermarket come Eisenlohr Racing e JRZ Suspension Engineering, che forniscono braccetti, molle e ammortizzatori ad alte prestazioni. Il kit di freni Brembo completano l’opera di una vettura che mantiene le sensazioni delle guida pura, senza filtri elettronici.

Porsche 911, interni customizzati Gunther Werks

Anche gli interni subiscono modifiche. Il cruscotto e la plancia anteriore mantiene lo stile originale, ma i materiali sono tutti nuovi, con il predominio dell’Alcantara. Questo materiale ricopre anche i nuovi sedili, veri e propri gusci in fibra di carbonio. Anche la chiave di avviamento è personalizzata, con l’inserimento di elementi in alluminio. A richiesta, si possono montare dei pannelli insonorizzanti, per rendere l’abitacolo un po’ meno rumoroso. La Porsche 911 Gunther Werks sarà prodotta in 25 esemplari, tutti su ordinazione.


All Terrain Competition Study, la Porsche pronta per i raid