Polstrada aiuta madre e figlio che vivono in auto sulla A1

0
176
Polstrada

Madre e figlio vivono in auto sulla A1: la Polstrada li aiuta. Gli agenti erano intervenuti per controllare una vettura sospetta che da una settimana sostava nell’area di servizio di Fabro, vicino a Orvieto

Per una settimana hanno dormito all’interno di una auto parcheggiata in un’area di servizio dell’A1, non avendo più nulla, né una casa né un lavoro: è una storia di profondo disagio, ma anche di solidarietà, quella che ha visto protagonisti una madre e un figlio originari del Sud, ma residenti al Nord, individuati nei pressi di Fabro dalla polizia stradale di Orvieto, che ha dato loro un aiuto, donando generi alimentari e una somma di denaro.

La storia è stata confermata dai riscontri della Polstrada

Poco più che cinquantenne lei, 25 anni lui, agli agenti che hanno chiesto loro spiegazioni sui motivi della prolungata presenza, segnalata in quel luogo decisamente poco confortevole, tra la tristezza e l’imbarazzo i due hanno dato il via a un racconto commovente, poi confermato dai riscontri della Polstrada, che, inizialmente, pensava di trovarsi di fronte a un’auto sospetta.

Senza più un lavoro né una casa

La donna, in particolare, ha spiegato di aver perso il lavoro a causa di una situazione familiare complessa e quindi, con il precipitare di quella economica, di aver dovuto lasciare l’abitazione in cui viveva con il figlio. Di fronte al buio dell’incertezza i due hanno così deciso di affidarsi all’unico “tetto” che era loro rimasto, l’utilitaria di proprietà.

In mancanza di alternative, ne hanno fatto la loro casa, adattandosi a dormire sui sedili scomodi e a lavarsi nei servizi igienici dell’area di servizio. Scelta, quest’ultima, non a caso, ma per aggrapparsi almeno ai ricordi dei tempi migliori. A colpire e coinvolgere ancora di più gli agenti è stato il fatto che la donna ha raccontato infatti di essersi voluta fermare a Fabro perché da piccolina frequentava con suo padre Città della Pieve, cittadina a poche decine di chilometri di distanza.

La solidarietà degli agenti “Qui mi sento davvero a casa, questi luoghi mi danno un po’ di sostegno e conforto per sopportare la nostra sofferenza” avrebbe detto la cinquantenne ai poliziotti che l’hanno ascoltata. Questi hanno deciso di acquistare per madre e figlio dei generi alimentari di prima necessità, come pasta, biscotti, marmellata e legumi, ma anche di fare una piccola colletta per aiutarli economicamente e dare loro un minimo di respiro.

Un gesto di gran cuore non nuovo per i poliziotti della Polstrada orvietana, diretti dal comandante Stefano Spagnoli, che già a maggio 2020 si erano autotassati per aiutare un’altra famiglia, in difficoltà sempre lungo l’Autosole, a raggiungere il Trentino, dove la figlia piccola, con problemi di salute, doveva sottoporsi ad un’importante visita medica.

Previous articleIl Rilascio del passaporto
Next articleBirre analcoliche: le Desperados Virgin
Presidente dell'Associazione L'Ancora Capo Redattore Responsabile ma sono soprattutto giornalista, foto reporter e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Ho sposato Periodicodaily.com e Notiziedaest.com ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Sono un libero giornalista indipendente porto alla luce l'informazione Nazionale e Estera .. Soprattutto Cronaca, Meteorologia, Sismologia, Geo Vulcanologia, Ambiente e Clima.