Polonia – Vicepresidente Exatel, annuncia il lancio del primo satellite fra tre anni

0
495

Il mercato spaziale nel mondo si sta sviluppando in modo molto dinamico e le tecnologie stanno diventando più economiche e sempre più disponibili. Lo ha sottolineato il vicepresidente della società polacca Exatel, Rafal Magrys, osservando che per questa ragione la Polonia prevede di lanciare un satellite quanto prima.

“Entro tre anni vogliamo lanciare un satellite creato da noi con la partecipazione di aziende polacche” ha dichiarato il vicepresidente di Exatel sottolineando che accanto all’obiettivo commerciale, il progetto riguarda anche l’espansione del settore spaziale polacco. “C’è una rivoluzione che può essere paragonata all’uso diffuso dei personal computer. Nel frattempo, la Polonia – a differenza della maggior parte dei paesi ad essa comparabili – non ha un suo satellite.

E questo nonostante il fatto che abbiamo diverse dozzine di entità che operano su questo mercato. La questione è che spesso le aziende polacche operano come subappaltatori di aziende internazionali” ha affermato Magrys. Exatel, che fornisce servizi di comunicazione satellitare da quasi un anno e mezzo anche per il ministero degli Affari Esteri, ha già acquisito una rilevante esperienza in questo campo.

“Vogliamo iniziare con piccoli satelliti che possono essere facilmente prodotti anche utilizzando la tecnologia di stampa 3D. L’esperienza e i profitti di questo progetto verranno utilizzati per implementare ulteriori dispositivi più grandi”, ha affermato il vicepresidente della società polacca.

L’area relativa alle telecomunicazioni è uno dei fondamenti delle attività di Exatel, che è una società di proprietà statale e lavora per sviluppare le potenzialità cibernetiche polacche. Tra le sue aree di competenza – oltre a costruire la propria infrastruttura di rete, trasmettitori o software – c’è anche la comunicazione satellitare.

Exatel ha diversi gruppi di potenziali clienti: oltre al ministero degli Esteri di Varsavia, ci sono anche agenzie governative polacche del settore difesa e l’Agenzia per la ristrutturazione e l’ammodernamento dell’agricoltura. Quest’ultima ha bisogno, ad esempio, di foto aggiornate ad alta risoluzione per gestire efficacemente il sistema di sussidi agricoli.

Qualche giorno fa è stato nominato un nuovo plenipotenziario del ministero dello Spazio, il colonnello Marcin Gorka che deve preparare la strategia governativa di Varsavia in questo campo. Questa è inquadrabile essenzialmente nell’attuazione del progetto Nato, che riconosce lo spazio come un nuovo centro di attività. I compiti del plenipotenziario comprendono l’attuazione della strategia spaziale polacca tra cui presentare proposte per lo sviluppo di capacità di telecomunicazione e riconoscimento satellitare. (