Polonia – Polizia disperde manifestanti davanti il palazzo del governo con gas lacrimogeni

Proteste contro il governo a Varsavia, polizia disperde manifestanti con gas lacrimogeni

0
385

La polizia della Polonia ha usato gas lacrimogeni contro i manifestanti scesi in piazza a Varsavia per protestare contro le misure economiche approvate dal governo in risposta alla pandemia di coronavirus, ritenute insufficienti.

Secondo quanto riferito su Twitter dal portavoce della polizia di Varsavia, Sylwester Marczak, l’utilizzo di gas lacrimogeni si è reso necessario dopo che i manifestanti hanno aggredito gli agenti di polizia impiegati per contenere le proteste, che si sono svolte ieri nella centrale piazza del Castello nonostante il divieto di assembramenti di massa.

I dimostranti, tra cui diversi imprenditori, chiedevano un maggiore sostegno economico da parte del governo e il risarcimento delle perdite finanziarie derivanti dalle restrizioni imposte dal coronavirus. Secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University, in Polonia si registrano 18.250 casi confermati di coronavirus inclusi 900 decessi.

Nel disperdere i manifestanti e stato coinvolto anche un senatore

Jacek Bury, senatore della Civic Coalition, era tra i detenuti. Il politico afferma di essere stato tagliato sotto gli agenti di polizia e spinto nell’auto della polizia, anche se ha detto loro che era un senatore e ha mostrato il suo documento d’identità. La polizia afferma che non è stata usata alcuna forza e il senatore è entrato nell’auto della polizia e si è rifiutato di andarsene. Questa informazione è stata confermata da Bury.

Polonia – Il 18 Maggio riaprano le miniere della Slesia

Polonia – Il 18 Maggio riaprano le miniere della Slesia

Polonia – Scuole chiuse fino al 26 Giugno

Commenti