Polonia – Domani aprano le urne per l’elezioni presidenziali

0
296

Al terzo posto nei sondaggi appare Szymon Holownia, giornalista e candidato indipendente. Holownia è stato il primo ad annunciare ufficialmente la sua candidatura l’8 dicembre 2019 e fa della sua apartiticità il suo principale cavallo di battaglia.

Nei suoi discorsi richiama spesso una Polonia “verde, solidale e democratica”. L’ultimo sondaggio Ibris lo dà al 9,7 per cento. Più deludenti sono invece i consensi per Robert Biedron, candidato di Lewica, che il medesimo sondaggio colloca al 4,9. Ateo e omosessuale – è stato il primo parlamentare apertamente gay al Sejm.

Tanto i consensi di Holownia, quanto quelli di Biedron sarebbero utili a Trzaskowski nel possibile ballottaggio. Il candidato ultraconservatore ed euroscettico Krzysztof Bosak è al 4,6 per cento, mentre quello del Partito popolare polacco (Psl), Wladyslaw Kosiniak-Kamysz, è al 5,4.

Nonostante l’elezione diretta, il capo dello Stato in Polonia non ha grandi poteri, il che ridimensiona il valore delle promesse fatte dai candidati in campagna elettorale. Il presidente mantiene però un potere di veto sulle leggi del parlamento. Se l’opposizione dovesse riuscire a imporre un proprio candidato alla presidenza della Repubblica, sarebbe l’ennesimo bastone tra le ruote della destra al governo, dopo che a quest’ultima è già stata sottratto il controllo del Senato alle scorse elezioni politiche.

Commenti