Polonia: avviate esercitazioni militari Rys’-21

Le esercitazioni sono in risposta a quelle russe Zapad-2021

0
299
Polonia: avviate esercitazioni militari Rys’-21

Cresce la tensione tra Polonia, Bielorussia e Russia. Il ministro della Difesa polacco, Mariusz Balszczak, ha annunciato che in Polonia sono state avviate delle esercitazioni militari Rys’-21. Balszczak ha sottolineato che queste manovre sono in risposta alle esercitazioni russe-bielorusse Zapad-2021.

Perché in Polonia sono state avviate delle esercitazioni miliari?  

La Polonia ha iniziato delle esercitazioni militari su larga scala in risposta alle manovre militari russo-bielorusse Zapad-2021. Il ministro della Difesa polacco, Mariusz Balszczak ha riferito che le esercitazioni Rys’-21 sono iniziate il 10 settembre al poligono di tiro di Nowa Dęba, nell’est del Paese. All’esercitazione prenderanno parte più di 6 mila soldati polacchi, giunti nel voivodato della Precarpazia da Stettino, Stargard, Koszalin, Bristle e Slupsk. Secondo quanto riferito dal ministro polacco, circa 4 mila militari sono stati collocati nell’Est e nell’Ovest del Paese. Mentre i restanti 2 mila stanno cooperando con le guardie di frontiera di Varsavia, al fine di assisterle nei compiti di pattugliamento lungo il confine con la Bielorussia.

Secondo quanto riportato dall’agenzia stampa russa RIA Novosti, durante le manovre saranno coinvolti più di mille mezzi militari, tra cui i corazzati Rosomak, i veicoli da combattimento di fanteria BMP-1, mortai semoventi Rak, obici Dana e sistemi di difesa aerea Hibneryt i Poprad.

Crescono le tensioni Varsavia-Minsk-Mosca

Il ministro Balszczak, nell’annunciare le esercitazioni, ha rivelato che queste manovre sono state avviate a causa di Zapad-2021. Balszczak ha affermato: “Non possiamo escludere l’eventualità di provocazioni [di Russia e Bielorussia]. Siamo pronti. Le unità sono state schierate a Est del [fiume] Vistola. Siamo in contato con la NATO”. L’inizio delle manovre militari polacche confermano i timori di un’escalation tra Mosca, Minsk e Varsavia. I rapporti tra Polonia e Bielorussia sono peggiorati dopo la crisi migratoria in atto al confine, che per Varsavia fa parte di un ricatto da parte di Minsk. Nei giorni scorsi Varsavia aveva deciso di dichiarare lo stato di emergenza in alcune località di frontiera. Per il premier polacco, Mateusz Morawiecki, lo stato di emergenza serve per diminuire il rischio di provocazioni che sarebbero un pretesto per gli eserciti di Mosca e Minsk per un’escalation.


Leggi anche: Russia e Bielorussia: avviate massicce esercitazioni militari

La Bielorussia può usare i rifugiati come arma solo se la Polonia li vede come tali