Polonia arrabbiata per le parole di Papa Francesco

0
502

Molti polacchi, ferocemente contrari alla Russia, sono arrabbiati per le osservazioni del Papa che danno colpa alla NATO per aver provocato la Russia. Il commentatore cattolico polacco Tomasz Terlikowski critica le osservazioni del Papa secondo cui una delle cause della guerra in Ucraina potrebbe essere stata “l’abbaiare della NATO alla porta della Russia” e le definisce ingenue.

Le osservazioni di Terlikowski

Terlikowski stava commentando sui social media l’intervista di papa Francesco al “Corriere della Sera” definendola “drammatica sia dal punto di vista intellettuale che politico“. Nell’intervista, il Pontefice si è dichiarato pronto a incontrare Putin a Mosca, ha espresso la sua mancanza di volontà di recarsi a Kiev e ha osservato che una delle cause dell’aggressione russa contro l’Ucraina potrebbe essere stata “l’abbaiare della NATO alla porta della Russia”. Terlikowski ha commentato di non poter decidere cosa fosse peggio nell’intervista: “l’ingenuità, la mondanità o la franchezza delle osservazioni”, e ha criticato Papa Francesco per aver espresso dubbi sull’invio di armi in Ucraina. “Non so rispondere, sono troppo lontano, alla domanda se sia giusto rifornire gli ucraini. La cosa chiara è che le armi vengono testate in quella terra. I russi ora sanno che i carri armati servono a poco e pensano ad altro. Le guerre si fanno per questo: per testare le armi che abbiamo prodotto. Questo è stato il caso della guerra civile spagnola prima della seconda guerra mondiale. Il commercio di armi è uno scandalo, pochi si oppongono“. Il ricordo del Papa di un incontro con Viktor Orbán ha anche suscitato le ire di Terlikowski, secondo il notiziario polacco Widomosci. Dice di ritenere che il Papa dimostri una totale mancanza di realismo quando prende sul serio Orbán nelle sue affermazioni secondo cui Putin porrà fine alla guerra del 9 maggio. Terlikowski ritiene che il Papa abbia totalmente frainteso l’affermazione sulla fine della guerra poiché è chiaro che l’intenzione di Putin è guadagnare il più possibile entro il 9 maggio e che le dichiarazioni di Putin sono un segno di escalation piuttosto che la fine della guerra. “E’ straordinario che il papa riferisca queste cose ai media italiani”, dice Terlikowski.

Le critiche in Polonia

Papa Francesco è stato criticato in Polonia per la sua posizione sulla guerra. C’è irritazione per la strategia del Pontefice di mantenere la stessa distanza tra Russia e Ucraina e il fatto che il Papa sia stato riluttante a condannare categoricamente sia Putin che l’aggressione russa contro l’Ucraina. In Polonia, il Papa è stato condannato per aver equiparato ciò che i polacchi vedono come vittime, l’Ucraina, con i russi non sufficientemente trattati come aggressori.