Polonia – Acquisto di Polska Press da parte di Orlen viola la libertà dei media

0
123

L’acquisizione del gruppo editoriale Polska Press, finora posseduto dal gruppo tedesco Verlagsgruppe Passau, è stato annunciato il 7 dicembre scorso. Soltanto a fine novembre Orlen aveva acquistato la società di distribuzione di stampa periodica Ruch.

Entrambe le decisioni rafforzano la presenza di Orlen nel mercato dei media. L’acquisto di Polska Press dà alla società petrolifera l’accesso a un numero di lettori stimabile intorno ai 17 milioni. Il presidente di Orlen, Daniel Obajtek, ha difeso la decisione dicendo all’emittente “Polskie Radio 24” che l’acquisto di un gruppo editoriale è oggi un modo normale di fare affari. “Non solo abbiamo acquisito il gruppo Ruch, ma stiamo costruendo anche un nostro gruppo editoriale, Sigma Bis”, ha detto.

In questo modo ha voluto replicare ai timori da parte dell’opposizione polacca. Il leader del partito Piattaforma civica (Po), Borys Budka, ha espresso preoccupazione per il fatto che un importante gruppo editoriale quale Polska Press finisca nelle mani di una società posseduta dal Tesoro e ha parlato di un rischio di “pupinizzazione” dei media del Paese e di una “Budapest a Varsavia”. L’acquisto a suo avviso non ha niente a che vedere con lo sviluppo del gruppo petrolifero. “Con i soldi dei polacchi tentano di costruire l’ennesima macchina di propaganda modellata su Tvp“, la tv pubblica, ha scritto Budka su Twitter. “Orlen diventa la Gazprom di Diritto e giustizia (PiS)“, ha commentato l’ex ministro degli Esteri Radoslaw Sikorski (Po).

Commenti