Pizza cotta sulla lava? L’impresa di Garcia in Guatemala

0
877

La pizza. Il cibo amato da tutti e spesso invidiato. Questo perchè è da sempre risaputo che per una buona pizza oltre al pizzaiolo serve anche il forno perfetto. Forni mobili, forni giganti, piccoli forni portatili e un forni a legna. Insomma le scelte per la sua cottura sono molteplici. Ma cuocere una pizza sulla lava di un vulcano è possibile? In Guatemala pare proprio di si!. Un uomo di nome David Garcia ha trovato il modo di cuocere una pizza su un fiume di lava al vulcano Pacaya

Da dove è nata l’idea di cuocere la pizza sulla lava?

Garcia è stato inizialmente ispirato da scienziati islandesi, che hanno cucinato hot dog direttamente da un mucchio di lava bollente. “Ho preso l’idea e mi chiedevo cos’altro si potesse cucinare con la lava“, ha detto. “Così un giorno ho preparato una pizza, l’ho portata sulle rocce vulcaniche e in 14 minuti era pronta. Le alte temperature della vicina lava gli hanno conferito un gusto esclusivo e un incredibile scricchiolio. Mi sono detto: “Questo deve continuare” “.

La cottura della pizza

Le pizze di Garcia sono pizze in teglia, quindi l’impasto non ha contatto diretto con la lava. Dopo aver steso e ricoperto l’impasto, pone la teglia sulla roccia fusa. Non solo deve tenere d’occhio la pizza per assicurarsi che non bruci, ma deve anche assicurarsi che non vada alla deriva. “È stato difficile per me imparare la tecnica qui. Ed è anche un rischio essere sulla riva perché ha una temperatura elevata di 1.500-2.000 gradi, quindi devo guardare la direzione del vento in modo che non mi influenzi “, ha detto Garcia. Dopo il suo primo assaggio di pizza di lava, però, è giunto alla conclusione che il rischio valeva la fetta.

Insalata di salmone in agrodolce: un piatto light ed estivo

L’inizio dell’impresa

Il pizzaiolo iniziato questa impresa nel 2013. Nel 2019, aveva una piccola attività chiamata Pizza Pacaya, dove sfornava pizza su pietra vulcanica e lava per i turisti. Le pizze si cuociono in tempi brevi come due minuti e quaranta secondi. Il che significa che non c’è tempo per scappare e godersi il paesaggio mentre la pizza cuoce. Per quanto riguarda la sicurezza Garcia conosce le zone più sicure e lontane dai gas tossici che a volte il vulcano produce. Poi ogni giorno che viene al vulcano, deve valutare come cucinare in base al flusso delle rocce e alla temperatura.