Più di 50 morti in un incidente in una miniera di carbone in Siberia

0
243

Gli alti dirigenti della miniera nella regione russa di Kemerovo sono stati arrestati per sospette violazioni della sicurezza, a seguito dell’incidente in una miniera in Siberia. Le agenzie di stampa russe hanno citato le autorità locali secondo cui 52 persone sono morte, inclusi minatori e sei soccorritori che facevano parte di un’operazione di ricerca fallita.

Incidente in una miniera in Siberia: cosa è successo?

Secondo le informazioni preliminari, nessuno è sopravvissuto nella miniera”, ha detto l’agenzia di stampa statale Tass, citando una fonte dei servizi di emergenza locali. La miniera di Listvyazhnaya, vicino alla città di Belovo nella regione mineraria di Kemerovo, si è riempita di fumo nelle prime ore di giovedì con 285 persone all’interno. La maggior parte è riuscita a uscire, ma i funzionari hanno detto che 35 minatori erano dispersi. Non è stato immediatamente chiaro cosa abbia causato l’incidente, anche se alcuni media russi hanno riferito che la polvere in un pozzo di ventilazione ha preso fuoco, facendo riempire di fumo la miniera. L’agenzia di stampa RIA Novosti ha citato i pubblici ministeri secondo cui una scintilla potrebbe aver innescato un’esplosione di metano. Un’operazione di ricerca e soccorso è stata lanciata ma è stata interrotta diverse ore dopo dopo che i funzionari hanno avvertito di un’esplosione. Ci sono state segnalazioni di soccorritori a corto di ossigeno e le agenzie di stampa hanno detto che i corpi di sei di loro sono stati trovati. L’agenzia di stampa privata Interfax ha citato un funzionario locale dicendo che erano soffocati.

Le indagini immediate

Il comitato investigativo russo, che gestisce i casi più importanti, ha aperto un’indagine penale e ha affermato che tre persone sono state arrestate tra cui il direttore della miniera di 47 anni e il suo primo vice di 59 anni. “Durante l’indagine iniziale, è stato stabilito che i due hanno violato i requisiti di sicurezza industriale”, ha affermato il comitato. Le autorità regionali hanno detto che quasi 40 persone sono state ricoverate in ospedale. Il governatore ha dichiarato un periodo di lutto di tre giorni nella regione a partire da venerdì.


Polonia – Chiusura delle miniere di carbone è inevitabile


Le reazioni della popolazione

All’inizio della giornata i residenti del villaggio di Gramoteino vicino alla miniera si sono raccolti idavanti all’ingresso del sito, che è stato chiuso, mentre le ambulanze entravano e uscivano. Non c’è stato panico, ma la folla era tesa e si è rifiutata di parlare con i giornalisti. “Questa è una grande tragedia“, ha detto il presidente Vladimir Putin durante i colloqui con il leader serbo Aleksandar Vucic a Sochi.

I precedenti

La miniera di Listvyazhnaya è stata istituita nel 1956 ed è di proprietà della società SDS-Ugol con sede nella città di Kemerovo. Un’esplosione di metano ha ucciso 13 persone nella miniera nel 2004 e un’altra esplosione nel sito ha ucciso cinque persone nel 1981. Gli incidenti minerari sono abbastanza comuni in Russia e in tutta l’ex Unione Sovietica a causa di scarsi standard di sicurezza, mancanza di supervisione delle condizioni di lavoro e attrezzature obsolete dell’era sovietica. Uno degli incidenti minerari più mortali in Russia negli ultimi anni si è verificato nella miniera di Raspadskaya in Siberia, la più grande miniera di carbone della Russia, nell’estate del 2010, uccidendo 91 persone e lasciando più di 100 feriti. L’incidente è stato il risultato di un’esplosione di metano quando più di 300 minatori erano all’interno. Una seconda esplosione ha poi intrappolato un gruppo di soccorritori. Nel 2007, 110 persone sono morte dopo un’esplosione di gas nella miniera di Ulyanovskaya, nella stessa regione. Oltre agli incidenti mortali, gli attivisti hanno attirato l’attenzione sulle pratiche ambientali delle miniere in Russia, uno dei maggiori produttori di minerali al mondo.