Piotr Cywinski, direttore del museo di Auschwitz-Birkenau: “Supporto per il 13enne nigeriano”

0
157
Piotr Cywinski
Piotr Cywinski

Il capo del memoriale di Auschwitz, Piotr Cywinski ha chiesto un alleggerimento della condanna per il ragazzo nigeriano di 13 anni. “Non posso rimanere indifferente” ha scritto Piotr Cywinski in una lettera al presidente della Nigeria riguardo a un 13enne. Omar è condannato a 10 anni di reclusione e lavori umili con l’accusa di blasfemia.

Piotr Cywinski chiede aiuto per il 13enne


Piotr Cywinski ha chiesto al presidente della Nigeria di perdonare l’adolescente condannato a 10 anni di carcere per blasfemia. Una condanna assurda per un ragazzo di tredici anni, soprattutto perché è estremamente arcaica.

Piotr Cywinski dichiara

“Mi offro di scontare parte della pena del ragazzo. Non de ilve subire la perdita dell’intera giovinezza. Essere privato di opportunità, stigmatizzato fisicamente, emotivamente ed educativamente per il resto della sua vita”. Questo è ciò che ha scritto Piotr Cywinski, in una lettera aperta a difesa di Omar Farouq. L’accusa è di aver bestemmiato Allah in una discussione con un amico.

La follia religiosa non può più essere tollerata

Da quando la condanna è stata emessa, il caso è stato condannato immediatamente delle associazioni a difesa dei diritti umani. Addirittura le Nazioni Unite si sono scomodate per tale situazione, “ciò vìola gli accordi internazionali sul benessere dei bambini”. La stessa corte nigeriana è messa sotto inchiesta dalle Nazioni Unite per la condanna di un musicista di 22 anni. Il musicista, di cui non è stato reso noto il nome, è condannato a morte per la stessa accusa.

Il ricorso

Nel caso di Omar, il suo avvocato Kola Alapinni, ha presentato ricorso. “E’ una violazione della Costituzione del Paese e della Carta africana sui diritti e il benessere del bambino.

Tutto ciò è la dimostrazione di quanto la religione spesso, renda alcuni paesi arretrati e gretti. Mi domando se un mondo, si con la fede ma avido di religioni sia un mondo sano. Leggendo certe notizie sembrerebbe di no.

Commenti