Piantiamola!: domani il nuovo numero di iO Donna

0
247

Sarà in edicola domani sabato 8 maggio. È una copertina potente, quella del nuovo numero di iO Donna, che ad una bellissima fotografia di Kasia Smutniak accompagna questa esortazione: Piantiamola! Vediamo perché.

Piantiamola!, di cosa si tratta?

Sul nuovo numero ci saranno diversi argomenti interessanti, inerenti all’ecologia ma non solo. Attualità, transizione ecologica, novità green, idee per la casa e il giardinaggio, ma non soltanto. Anche al di fuori della rivista, infatti, ci sono delle novità.


Sustainable Thinking: Ferragamo per la sostenibilità


Impegno green

Non è però una novità che iO Donna si occupi attivamente del green in tutte le sue forme. Le attività del settimanale diretto da Danda Santini infatti erano già da tempo orientate in questo senso, ma oggi l’impegno si fa ancora più concreto. Infatti, la testata ha deciso di adottare per un anno, insieme a weTree, una foresta circolare situata a BAM (Biblioteca degli Alberi di Milano). Si tratta di un progetto della Fondazione Riccardo Catella, nel cuore del quartiere di Porta Nuova. Sarà dedicato a Giulia Maria Mozzoni Crespi, editrice e proprietaria del Corriere della Sera negli anni 60-70, oltre che fondatrice del FAI e pioniera dell’agricoltura biodinamica.

Sostenibilità ambientale

Non è però tutto qui. Anche il sito iodonna.it si dà al green, nella settimana dall’8 maggio. Dedicherà infatti ampio spazio ai contenuti inerenti al tema, parimenti alle pagine Facebook e Instagram, testando la conoscenza dei lettori in ambito di sostenibilità.

Le parole della direttrice

“La sostenibilità ambientale è da sempre parte del Dna di iO Donna. Per questo, insieme a weTree e con la collaborazione di BAM, abbiamo subito colto l’opportunità di agire concretamente adottando 19 pini neri. Un progetto interessante e di sicuro beneficio per il benessere di tutti, a cui speriamo vorranno aderire anche le nostre lettrici, e non solo, adottando un pezzo di verde a Milano” ha spiegato la direttrice Danda Santini. “Insieme a weTree dedicheremo la foresta circolare a Giulia Maria Crespi. Un omaggio a una grande donna e al suo immenso e continuo impegno nella valorizzazione della cultura e dell’ambiente”.

L’impegno di weTree

“weTree a Milano dopo il Bosco delle Stem, entra nel cuore della città a BAM con un progetto che vuole sottolineare il fondamentale apporto delle donne, e Giulia Maria Crespi, Fondatrice del FAI, ne è un esempio straordinario, per un nuovo paradigma nel quale l’equilibrio tra natura e umani sia determinante per il benessere della collettività” ha dichiarato Ilaria Buitoni Borletti, Presidente di weTree. “Siamo felici di questa collaborazione con iO Donna e di questa convergenza che ha portato al progetto comune a BAM. Un esempio di ‘rete’ al femminile per una comune visione di un nuovo Green Deal”.

L’appoggio della Fondazione Riccardo Catella

“Fondazione Riccardo Catella è da sempre impegnata nella realizzazione di progetti civico-culturali per diffondere buone pratiche di sostenibilità” ha fatto sapere Kelly Russell Catella, Direttore Generale della Fondazione. “Con il progetto Radici proseguiamo in questo intento e offriamo ad aziende e cittadini uno strumento concreto per contribuire alla creazione di valore”. “Adottare gli alberi di BAM è un gesto d’amore e cura verso la natura a Milano e di rispetto per le generazioni future” ha aggiunto Francesca Colombo, Direttore Generale Culturale di BAM. “Con questa campagna tutti i cittadini potranno mettere le Radici a BAM”.