Philip Roth: biografia di un mito letterario

0
328
Philip Roth

Cogliere l’essenza di Philip Roth non è impresa da poco. Blake Bailey, già autore di una biografia su John Cheever, si è buttato in questa impresa titanica.

Chi è Philip Roth?

Philip Roth è stato uno dei più noti e premiati scrittori statunitensi della sua generazione. Il Premio Nobel gli è sfuggito nonostante le numerose candidature, ma “Pastorale americana” gli valse il Pulitzer. Le opere di Roth sono per lo più autobiografiche, ed elevano i personaggi ebrei americani dallo status di perdente. Una delle opere più rinomate si intitola “Lamento di Portnoy”. Il romanzo ruota attorno alla figura di Alexander Portnoy, un ebreo americano, che parla al suo psicanalista. Portnoy è nevrotico, erotomane, attaccato alla madre ed alle tradizioni ebraiche. Vorrebbe trovare moglie e metter su famiglia, ma le sue manie, i tic, le idiosincrasie e le morbosità sessuali glielo impediscono.

La biografia scritta da Blake Bailey

“Perché uno dell’Oklahoma dovrebbe scrivere la biografia di Philip Roth?” chiese Roth a Blake Bailey. “Non sono un alcolizzato bisessuale con un’antica stirpe puritana, ma sono comunque riuscito a scrivere una biografia di John Cheever”, rispose Bailey. Cominciò così il sodalizio tra i due. Era il 2012 e Roth affidava a Bailey il compito di scrivere la sua biografia. Nove anni dopo esce Philip Roth: The Biography. Bailey trasmette l’arguzia e il carisma di Roth. In un passaggio degno di nota, Bailey contribuisce a smentire la fama di misogino che Roth si trascina dietro. Lo stesso romanziere sostiene di avere sì un problema con le donne, ma solo con le due che ha avuto la sfortuna di sposare.

Philip Roth: The Biography

La biografia di Philip Roth uscirà in Italia solo l’anno prossimo. Bisognerà attendere un po’, ma ne varrà la pena. Roth è stato un personaggio discusso e Blake Bailey ha imprigionato parte del suo spirito tra le pagine del suo libro. E chissà che questa lunga biografia non riesca persino a decifrare, seppur in parte, il Codice Roth.

Commenti