Philip Guston: l’artista dei Klansmen nel libro di Feld

Uscito il 24 maggio il titolo presenta un artista originale e attento alle tematiche sociali

0
232
Razzismo

Il libro di Ross Feld descrive Philip Guston, artista che ha trattato il tema dell’antisemitismo e derazzismo. Nelle sue figure di cappucci si nota l’inquietudine manifestata nello stile dell’Espressionismo astratto.


Trump e Giuliani processati usando la legislazione anti-KKK


Qual è il significato dei Klansmen che dipinge Philip Guston?

Sono figure incappucciate che rappresentano i componenti del Ku Klux Klan, una società segreta con tratti xenofobi. Guston inserisce nei suoi quadri i Klansmen come se fosse un autoritratto. Quindi nei soggetti è riconoscibile il pittore, mentre fuma e dipinge oppure guida. Il razzismo del gruppo era diffuso e toccava stranieri e neri e Philip si sentiva coinvolto nelle azioni di violenza. I lavori portano l’attenzione su un fenomeno diffuso nella società americana che ha implicazioni nei rapporti tra cittadini di diverse etnie. Alla mostra del 1970 alla Marlborough Gallery ha quindi mostrato con le sue opere il punto di vista dell’ebreo bianco americano.

I Cappucci e la quotidianità

L’artista sceglie un’ambientazione domestica e quotidiana per muovere i Klansmen. Quindi l’azione del gruppo è ancora più subdola perché nascosta nelle attività di tutti i giorni. Nei suoi quadri ci sono oggetti comuni, orologi, scarpe vecchie, un pallone da basket che acuiscono l’impatto del fenomeno nella comunità. I dipinti sul cappuccio di Guston evocano il disagio e la dissonanza di una situazione irrisolta, anche complicità, confusione e vergogna. L’ombra di violenza di Ku Klux Klan aleggia ancora a settembre 2020, mesi dopo le proteste di Black Lives Matter che hanno seguito l’uccisione di George Floyd. Infatti, quattro importanti musei hanno rinviato una retrospettiva del lavoro di Guston, riformulare la programmazione.

Guston Time di Ross Feld

L’autore tratteggia il ritratto di un artista che con il proprio stile ha parlato della società in cui vive e di sé. Guston Time è pubblicato il 24 maggio e mostra gli aspetti controversi di un pittore del Novecento.