Peugeot e i semiconduttori: il Leone torna alle lancette

La penuria di chip costringe la casa francese a rinunciare ai cruscotti digitali

0
679
peugeot 308 gti 2021 semiconduttori

La crisi dei semiconduttori cambia la vita alla Peugeot. Di fronte alla penuria di chip che sta tormentando il mondo dei motori (e non solo), la casa di Velizy corre ai ripari, accantonando gli scintillanti cruscotti digitali e rispolverando le vecchie ma affidabili lancette. Secondo l’agenzia Reuters, a partire da maggio una parte della produzione del costruttore francese adotterà i dashboard analogici, con gli indicatori tradizionali. La decisione sarebbe già presa, a tal punto che i vertici di Stellantis avrebbero già dato l’assenso. Tale riconversione riguarderà soltanto una parte della linea produttiva, già in parte arrestata a causa della mancanza di queste preziose parti elettroniche.

Semiconduttori: quali modelli Peugeot torneranno ai cruscotti analogici?

Secondo quanto riferito dalla Reuters, le vetture che torneranno all’antico dal punto di vista degli indicatori saranno le 308, la cui generazione attuale è prossima alla pensione. Questa decisione nasce dall’esigenza di razionare le scorte di chip, destinandole ai modelli che la casa ritiene più redditizi. Quindi, auto di successo come il SUV 3008 avranno ancora il display configurabile in mille modi, mentre ad altri toccherà quello che passa il convento automobilistico. Le vetture interessate da questo cambio saranno quelle che entreranno nella linea di produzione da maggio, fino ad esaurimento scorte. La 308 attuale uscirà di produzione nel prossimo autunno, quando entrerà in campo il modello sostitutivo. Ma c’è dell’altro.


Peugeot 308 GTi, adieu alla hot hatch nel 2021


Arriva anche lo sconticino?

Alla notizia della Reuters si è infatti accompagnata una nuova che, se confermata, farà piacere a molti compratori. I media francesi hanno riferito che le 308 “analogiche” potrebbero essere accompagnate da uno sconto di 400 sul prezzo di acquisto. Da parte di Peugeot non è arrivata nessuna conferma, ma non è detto che alla fine non si arrivi ad una soluzione simile, vista anche la crisi del settore. L’attuale 308 è assemblata nello stabilimento di Sochaux, attualmente a mezzo servizio per la mancanza dei componenti. La prossima generazione sarà prodotta a Mulhouse, sperando che nel frattempo la “siccità” di semiconduttori sia definitivamente passata.