Perché tanti eroi Disney sono orfani?

0
542

Non sono una grande appassionata della Disney, e no, non credo di aver mai pianto davanti a film come Bambi o Cinderella. Ma mi sono sempre fatta questa domanda: perchè quasi tutti gli eroi Disney sono orfani?.

Gli eroi Disney orfani: necessità di trama?

I film Disney hanno avuto un grande successo nell’affascinare il loro pubblico con storie uniche. Vediamo insolite coorti di personaggi sulla terra, sul mare e nello spazio in alcune delle narrazioni più fantasiose al mondo. Tuttavia, è difficile non notare una difficoltà che sembra essere condivisa da quasi tutti i personaggi. La maggior parte degli eroi Disney sono orfani. Questo porta alla domanda ovvia: perché i lungometraggi Disney si affidano a questo meccanismo letterario, forse eccessivo? Ebbene, ho scoperto che c’è un complesso intreccio di fattori dietro questa scelta.

La letteratura medievale

La condizione di orfano era ricorrente e comune nella letteratura medievale in generale. Dato che molti di questi racconti popolari medievali servono come materiale di partenza per la Disney, è comprensibile che questa tendenza si sia tradotta nei film. Autori come Charles Dickens e Hans Christian Anderson facevano molto affidamento su personaggi orfani nelle loro storie. Poiché queste storie riguardano il protagonista che abbraccia la sua fiorente età adulta attraverso una serie di ostacoli impegnativi, diventa più facile concentrarsi sui personaggi quando i genitori sono fuori dai piedi. In assenza dei genitori, i personaggi sono costretti a riconciliarsi con i pericoli del mondo e quindi a subire la trasformazione richiesta dalla storia. Solo in seguito alla morte dei suoi genitori, Aladdin può attraversare le strade di Agrabah, passando da un’avventura all’altra. Allo stesso modo, Stich riempie un vuoto nella vita di Lilo solo dopo la partenza dei suoi genitori. Inoltre, le fiabe sono state scritte nel diciannovesimo secolo quando l’aspettativa di vita era estremamente bassa, rendendo molto più comune perdere i propri genitori prima di avventurarsi nell’età adulta.

La storia di Walt Disney

I film Disney sono in qualche misura modellati in questo modo anche a causa delle circostanze che circondano la vita di Walt Disney. All’apice della sua carriera, Walt Disney subì una tragedia personale che lasciò un impatto indelebile sul suo lavoro. Nel 1938, affermatosi nel cinema, Disney comprò una casa per i suoi genitori a North Hollywood. Qualche tempo dopo il trasloco, sua madre si sentì male e soffrì di forti mal di testa. Sospettando una possibile perdita di gas, Walt inviò un tuttofare dagli studios per esaminare la questione. Purtroppo la madre di Walt Disney morì per asfissia da gas nella casa, un incidente che lo intrappolò in un senso di colpa profondo per gli anni a venire.
Secondo Berit Astrom il rapporto di Disney con sua madre ha contribuito significativamente al suo lavoro. Sostiene che il trauma personale ha giocato un ruolo nella rappresentazione di Disney dei genitori morti nei film.


Hercules ed Ariel imparentati: la teoria dei fan dei personaggi Disney

Gli eroi Disney orfani e l’empatia

Sul terreno psicoanalitico, la rappresentazione della madre assente non può essere esaminata senza considerare l’archetipo della matrigna. Secondo lo psicoanalista Bruno Bettelheim, c’è una ragione particolare per questo. In The Uses of Enchantment: The Meaning and Importance of Fairy Tales, Bettelheim afferma che la madre (defunta) e la matrigna (cattiva) agiscono come due metà della stessa figura nelle nostre relazioni umane emotivamente divise e complicate, rappresentando i sentimenti opposti di amore e rifiuto. Questa dualità fa leva sulle paure più primitive che i bambini hanno all’interno delle loro relazioni parentali fondamentali. Vedere i personaggi dimorare nell’insicurezza che terrorizza il nostro io infantile, fa emergere un pathos immediato. Cominciamo a sperimentare la lotta dei personaggi e immaginiamo il nostro dolore se la situazione dovesse accadere a noi. Comprendiamo l’angoscia di Cenerentola immaginando la nostra reazione se avessimo difficoltà simili nella nostra vita. Poiché molti di noi hanno visto i film per la prima volta durante l’infanzia, l’effetto viene amplificato nella nostra memoria attraverso una costante reiterazione subconscia. Consapevole del fascino di questo dispositivo di trama, la Disney continua a ritornarci come uno strumento collaudato nel tempo per legare il pubblico, come ha fatto negli ultimi 100 anni.