Perché il sole ci rende felici? Ecco la risposta della scienza

Dopo mesi trascorsi chiusi in casa in un tetro inverno, il tempo sotto il sole potrebbe essere proprio quello che il dottore ha ordinato: ma perché è così buono per noi?

0
777

Esci e qual è la prima cosa che noti? Forse sono i gruppi seduti a chiacchierare allegramente nel parco, o l’allegro cinguettio degli uccelli. Ma una cosa che tutti sembrano avere in comune questa settimana è il buon umore, che potrebbe essere dovuto a un inaspettato ma graditissimo incantesimo di sole primaverile. Ma perché il sole ci rende felici?

Il sole ci rende felici: ma per quale motivo?

Dopo mesi in cui siamo rimasti bloccati nelle nostre case durante uno degli inverni più cupi mai registrati, questo periodo di sole è proprio quello che ha ordinato il dottore. Ma cosa c’è del sole che ci fa sentire così felici? Ecco la scienza dietro al motivo per cui quei raggi sono così buoni per noi.

Migliora il nostro umore

La maggior parte di noi concorderà sul fatto che è difficile sentirsi infelici al sole. Ciò è dovuto al legame tra la luce solare e i nostri livelli di serotonina, l’ormone che ci fa sentire felici. Questo è anche il motivo per cui le persone hanno maggiori probabilità di sviluppare il Disturbo Affettivo Stagionale (SAD) quando arrivano i giorni autunnali più brevi e ci avviciniamo all’inverno con meno ore di luce diurna. Ci sono molte ricerche per sostenere questa idea. Uno studio intrapreso in Australia ha scoperto che le persone avevano livelli più elevati di serotonina nelle giornate soleggiate rispetto a quelle nuvolose. Livelli aumentati di questo ormone generalmente portano a maggiori sentimenti di soddisfazione e calma e livelli più bassi di depressione e ansia. Esistono persino ricerche che dimostrano che le persone che usano lettini abbronzanti possono provare sentimenti più frequenti di euforia, il che potrebbe spiegare perché le persone sviluppano una dipendenza da sessioni regolari. Sebbene la connessione non sia ancora del tutto stabilita, i ricercatori ipotizzano che ciò potrebbe dipendere dal modo in cui la luce UV costringe i melanociti, le cellule che producono il pigmento scuro nella pelle, a rilasciare endorfine. Tuttavia, la maggior parte degli esperti concorda anche sul fatto che l’aumento del rischio di cancro al sole annulla il fattore di benessere.

Il sole migliora il nostro sonno

L’esposizione regolare alla luce solare incoraggia la produzione di melatonina, l’ormone che aiuta a regolare il ciclo sonno-veglia del corpo. Questo incoraggia sensazioni di sonnolenza, permettendoci di addormentarci più facilmente di notte, il che ci fa sentire più felici durante il giorno. La melatonina aiuta anche a regolare i nostri ritmi circadiani – l’orologio interno del corpo che segnala quando essere vigili e quando riposare – che possono essere fuori sincrono dall’esposizione alla luce blu della tecnologia, dai modelli di lavoro interrotti e dall’inquinamento luminoso. A sua volta, questo ci permette di sentirci più felici. La ricerca mostra che la nostra amigdala – la parte emotiva del cervello – è significativamente più reattiva dopo una brutta notte di sonno, il che significa che è più probabile che ci sentiamo irritabili per tutto il giorno se abbiamo passato la notte a girarci e rigirarci. Il tempo trascorso al sole può aiutarci a dormire sonni tranquilli.

Il sole ci rende felici e il nostro desiderio sessuale viene risollevato

Che tu ci creda o no, anche il nostro desiderio sessuale è influenzato dal tempo trascorso al sole, quindi un’ondata di caldo primaverile è una buona notizia per coloro che hanno trovato la loro libido in qualche modo attenuata. I ricercatori dell’Università di medicina di Graz in Austria hanno scoperto che passare solo un’ora al sole può aumentare i livelli di testosterone di un uomo del 69%. A sua volta, questo aiuta a bilanciare l’umore, il desiderio sessuale e la funzione cognitiva. Gli esperti attribuiscono questo al ruolo della vitamina D, che viene prodotta dopo l’esposizione alla luce solare. È la stessa situazione per le donne. I ricercatori in Cina, che hanno condotto uno studio sulle donne in post-menopausa, hanno identificato un legame tra bassi livelli di vitamina D e bassi livelli di estrogeni, l’ormone sessuale femminile.


Felicitometro: alla continua ricerca della felicità


Le tue ossa riceveranno un aiuto

La vitamina D è anche fondamentale per aiutare il nostro corpo ad assorbire il calcio, che è responsabile del rafforzamento delle ossa. La mancanza di vitamina D è stata associata sia all’osteoporosi, al rachitismo che a malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide (RA). Una revisione della Cochrane Library ha rilevato che i tassi di caduta negli anziani, che sono in parte dovuti agli effetti delle ossa fragili, potrebbero essere ridotti di oltre un quarto se agli anziani fossero somministrati integratori di vitamina D. Tuttavia, negli ultimi anni molti studi hanno messo in dubbio l’efficacia degli integratori nel ridurre i tassi di osteoporosi. Questo non vuol dire che la luce solare non possa aiutare: oltre il 90% del fabbisogno di vitamina D di una persona tende a provenire dall’esposizione casuale alla luce solare, rendendola la migliore fonte di nutrienti. Quindi quanta esposizione abbiamo bisogno per migliorare la nostra salute? In media, gli esperti ritengono che dovremmo puntare a 10-30 minuti di luce solare di mezzogiorno, più volte alla settimana. Quindi assicurati di uscire per una passeggiata oggi per ottenere una spinta di vitamina D.

Migliora la salute del cervello di mezza età

Mentre la maggior parte della ricerca sulla luce solare e sul cervello si è concentrata sui livelli di serotonina, una dose di vitamina D potrebbe anche essere buona per il nostro intelletto. Nel 2009, gli scienziati dell’Università di Manchester hanno scoperto che livelli più elevati di vitamina D sono collegati a una migliore capacità mentale negli uomini di mezza età e negli anziani. Gli uomini nello studio sono stati testati per la memoria e il ricordo della velocità, nonché per i livelli di umore e attività fisica, prima che venissero prelevati i campioni di sangue. I ricercatori hanno scoperto che gli uomini con livelli più elevati di vitamina D si sono comportati costantemente meglio di quelli con livelli più bassi.

I tuoi occhi hanno bisogno della luce del sole

Il dottor Rangan Chatterjee, medico di base e autore di Feel Great, Lose Weight, spiega che la luce viene misurata in un’unità chiamata lux: se trascorriamo 20 minuti all’aperto, anche in una giornata nuvolosa, siamo esposti a circa 10.000 lux, rispetto a 500 lux se passiamo del tempo in casa. Questo è particolarmente importante per i bambini. I ricercatori del King’s College di Londra, la London School of Hygiene and Tropical Medicine, hanno scoperto che l’esposizione regolare alla luce solare riduce il rischio di miopia – o miopia – nei bambini e nei giovani adulti aiutando l’occhio a produrre dopamina, che aiuta lo sviluppo sano degli occhi. L’esposizione alla luce naturale può anche aiutare a ridurre l’affaticamento degli occhi degli adulti, che è in aumento durante la pandemia a causa di più tempo davanti allo schermo e meno interruzioni naturali nella giornata lavorativa. Un sondaggio condotto su 2.000 adulti che lavorano da casa ha rilevato che uno su tre ha problemi di affaticamento degli occhi alla fine di ogni giornata, nonostante un decimo abbia tre o più luci accese nel proprio ufficio a casa.

ll sole ci rende felici e può abbassare la pressione sanguigna

La ricerca condotta dall’Università di Southampton nel 2018 ha esposto i partecipanti con un intervallo normale di pressione sanguigna alla luce ultravioletta. Hanno scoperto che dopo l’esposizione, i partecipanti hanno visto una modesta diminuzione dei livelli di pressione sanguigna, che potrebbe essere dovuta al ruolo dell’ossido nitrico immagazzinato negli strati superiori della pelle. Quando reagisce alla luce solare, fa allargare i vasi sanguigni, spostando l’ossido nel flusso sanguigno. A lungo termine, avere una pressione sanguigna più bassa può ridurre il rischio di arresto cardiaco o ictus, quindi è ancora più una scusa per assorbire i raggi.