Per l’11 settembre Maurizio Cattelan crea “Blind”

Un'opera in resina in cui l'edificio sembra inglobare l'aereo

0
350
11 settembre Maurizio Cattelan
Maurizio Cattelan a HangarBicocca fino al 20 febbraio

Si intitola “Blind” ed è l’opera che ricorda l’attentato al World trade center del 2001. Commemorando le vittime dell’11 settembre Maurizio Cattelan si stacca dalla sua produzione per sondare nuove possibilità espressive. L’opera è in esposizione fino al prossimo 20 febbraio a Hangar Bicocca a Milano.


Attacco alle Torri Gemelle: 19 anni dall’attentato che sconvolse il mondo


Come rappresenta l’attentato dell’11 settembre Maurizio Cattelan?

L’artista era a New York il giorno dello schianto dell’aereo contro una delle Torri gemelle e l’avvenimento l’ha turbato. Il caos provocato dall’attentato, l’intervento dei soccorsi e il panico tra la gente che si recava al lavoro hanno sedimentato nell’animo di Cattelan. Infatti, ha realizzato l’opera per la mostra “Breath Ghosts Blind” a HangarBicocca di Milano, ma l’idea si è formata allora. Quindi, crea una scultura in resina che raffigura il velivolo che si abbatte sull’edificio, rimanendo incastrato nella struttura è d’impatto.

“Breath Ghosts Blind”

Alla mostra milanese Cattelan presenta tre opere, immerse in una luce che le rende più suggestive. “Breath” è realizzata in marmo di Carrara e raffigura un uomo in posizione fetale di fronte a un cane. “Ghost”, invece, è una creazione che può ricordare il film di Alfred Hitchcock “Uccelli”, con volatili appollaiati su una struttura. Infine, “Blind” è l’opera che l’artista ha creato pensando all’11 settembre.

Il percorso che ha portato a “Blind”

Maurizio nel 2017 voleva realizzare a New York una scultura monumentale in ricordo dell’attentato. Però, il curatore del museo Solomon Guggenheim non ha ritenuto opportuno sostenere il progetto perché la ferita nella metropoli è ancora aperta. Cattelan non ha rinunciato all’idea e l’ha concretizzata per la mostra milanese a HangarBicocca. L’occasione sembra adatta considerando anche la ripresa delle attività dopo la pandemia. Come lo schianto dell’aereo ha sconvolto il mondo, così la pandemia ha segnato l’umanità per mesi.