Pentagono USA: istituito gruppo per indagare sugli UAP

0
309
Pentagono USA: istituito gruppo per indagare sugli UAP

Il Pentagono USA sta istituendo un gruppo volto ad indagare su fenomeni aere non identificati (UAP). Lo scopo è quello di rilevare e identificare oggetti nello spazio aereo ed eventualmente mitigare delle potenziali minacce.

Perché il Pentagono USA ha istituito un nuovo gruppo sugli UAP?

Il Pentagono sta istituendo un nuovo gruppo per indagare sui fenomeni aerei non identificati (i cosiddetti UAP). Questa decisione arriva dopo un rapporto dell’Intelligence in cui si richiedono ulteriori ricerche in merito a questi avvistamenti. Il Pentagono ha dichiarato che il gruppo guiderà gli sforzi USA per “rilevare, identificare e attribuire oggetti di interesse nello spazio aereo per usi speciali e per valutare e mitigare eventuali minacce associate alla sicurezza del volo e alla sicurezza nazionale”. “Il Dipartimento della Difesa prende molto sul serio le segnalazioni di incursioni – da parte di qualsiasi oggetto aereo, identificato o non identificato – e indaga su ciascuna di esse”, ha aggiunto.

I membri e la direzione

Pur essendo di competenza del Dipartimento della Difesa, il nuovo gruppo sarà parte di una collaborazione con la comunità dell’intelligence. A creare il gruppo è stato dal sottosegretario della Difesa per l’intelligence e la sicurezza, Ronald Moultrie, su ordine del vicesegretario alla Difesa Kathleen Hicks in coordinamento con il direttore nazionale dell’intelligence Avril Haines. Prenderà il nome di Airborne Object Identification and Management Synchronization Group (AOIMSG). Il Gruppo sarà in sostanza il successore della Unidentified Aerial Phenomena Task Force della US Navy. Ci sarà inoltre un consiglio esecutivo volto a supervisionare il nuovo gruppo diretto da Hicks. Tale consiglio è composto dal sottosegretario alla Difesa pe l’intelligence, dal direttore dello staff congiunto e da alti funzionari dell’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale.


Leggi anche: UFO: il Pentagono conferma l’autenticità di un video